Gabbiadini regala il 118° Derby alla Samp

Condividi

La Sampdoria vince il derby della Lanterna grazie a un gol di Manolo Gabbiadini segnato a 5′ dalla fine e conquista così un successo fondamentale nella corsa-salvezza, al termine di una sfida povera di emozioni, avvincente, ma non bella. Motta perde Favilli, nella rifinitura del mattino, e deve fare i conti con un problema per Sturaro durante il riscaldamento, schierando così Sanabria titolare accanto a Pinamonti. Ranieri disegna la Sampdoria con il consueto 4-4-2, con Ramirez accanto a Quagliarella, mentre Caprari e Gabbiadini finiscono in panchina.

Partita subito molto combattuta e dal ritmo alto tra due compagini che cercano i tre punti: Ghiglione già all’8′ finisce sul taccuino dei cattivi, per un fallo su Murru. Tanto agonismo, ma nessuna conclusione in porta nella prima frazione, con il Genoa che prende possesso del gioco e la Sampdoria che cerca di sfruttare le ripartenze. Faticando a sfondare per vie centrali entrambe le squadre si affidano, quando riescono, ai cross, ma anche in quel caso l’effetto non è quello sperato: come nel caso di Ramirez, spazza la difesa rossoblù, e di Pajac, con Sanabria che devia di testa abbondantemente a lato. Il primo tempo si chiude così senza emozioni e con l’unica nota del cambio di Ekdal per infortunio. Al rientro dagli spogliatoi, pronti via e Criscito viene ammonito per un intervento falloso su Depaoli. La sfida è sempre spigolosa e molto fisica ma, nonostante l’impegno delle due squadre, non decolla. Il primo tiro in porta, di tutta il confronto, arriva solo al 24′ ed è del Genoa: una punizione di Criscito dal lato corto di destra che Audero respinge a pugni chiusi. Motta prova a mischiare le carte, inserendo Ankersen e Jagiello, ma non ha praticamente attaccanti in panchina. Ranieri risponde cambiando l’intero reparto offensivo: fuori Ramirez e Quagliarella, dentro Caprari e Gabbiadini. Al 36′ un errore di Ferrari innesca Sanabria che in area, invece di tirare, rimette il pallone in mezzo dove però non ci sono compagni. Fatale, invece, l’errore di Ghiglione al 40′ che libera Linetty, il polacco arriva al limite e serve l’accorrente Gabbiadini che, con un preciso rasoterra, batte Radu per il definitivo vantaggio. Non basta l’assalto finale al Genoa per recuperare e, alla fine, la Sampdoria può festeggiare una vittoria importantissima per classifica e morale

Condividi

Articoli correlati

A Cosenza la Samp ha dimostrato che coi titolari può essere tranquilla

Inutile negarlo: la partita di Cosenza era fonte di...

Contro l’Udinese un Genoa fiammeggiante ma concreto e maturo

“Dica 33”. E il Genoa esegue, non in uno...

Rovesciata Retegui, Bani di testa, il Genoa vola e batte l’Udinese

Il Genoa contro l'Udinese comincia piano, poi vola con...

La Sampdoria torna con merito alla vittoria: 2-1 a Cosenza

La Sampdoria vince una partita fondamentale per il suo...

Il Genoa contro l’Udinese per continuare a strappar sorrisi ai tifosi

Il Genoa è immerso nella classica situazione di limbo...

Cosenza bivio insidioso per la Samp frenata da troppi passi falsi

In casa Samp vige il “vorrei ma non posso”....