Sarzana viola il campo di Breganze e si rilancia

6

Un Hockey Sarzana monumentale coglie la prima vittoria in trasferta nella gara più difficile e annichilisce a tratti i padroni di casa del Breganze, vincendo per 5 a 4 e resistendo a quello che alla fine sembrava un irresistibile ritorno dei vicentini. La squadra di Alessandro Bertolucci, da ultima in classifica ha sbancato la pista della seconda della classe legittimando il suo valore, messo in mostra sempre, ma non adeguatamente ricompensato dai risultati. Ottima la prova di tutta la squadra trascinata da capitan Davide Borsi e da  un  Francisco Ipinazar incredibile sia in fase difensiva che in fase di ripartenza. Molto bravo Simone Corona autore di una serie di interventi di ottima fattura.

“Sono certamente tre punti d’oro per la nostra classifica, ma è forse ancor più importante aver ritrovato lo “spirito Sarzana” – il Presidente Maurizio Corona  esordisce così al termine della gara – è una vittoria strameritata  che ha evidenziato una squadra caratterialmente mai doma, un’ottima prestazione che ha dimostrato che meritiamo sicuramente ben altra classifica rispetto a quella che ci relegava finora all’ultimo posto. Una prestazione con i cosiddetti   attributi  era quello che ci avevano chiesto il gruppo degli Incessanti – continua il presidente – che nonostante il passivo finale ci hanno sostenuti sino al suono della sirena finale nella gara contro la capolista Lodi. I giorni seguenti la partita contro il Lodi, un loro messaggio su Instagram, parlava chiaro e ci indicava la strada: “seguite il nostro condottiero (Bertolucci), con lui e la nostra forza e passione possiamo raggiungere qualunque traguardo. Rialziamoci e dalle ceneri e torniamo a bruciare”, messaggio profetico il loro, ed è stata la prima cosa che ho pensato al termine della partita di Breganze. Ora dopo questo successo chiedo ai miei giocatori il basso profilo e il lavoro in allenamento che ci ha caratterizzato in questa vigilia, tutti sappiamo che abbiamo prima di tutto una salvezza da conquistare e poi la cosa più importante una città da rappresentare a livello nazionale e internazionale. Avevamo contro un’ottima squadra, seconda in classifica generale,  il Breganze era una delle squadre più in forma del momento, arrivava dal pareggio conquistato a Monza e dalla vittoria contro la corazzata Trissino, la formazione di Diego Mir come dico da tempo è una formazione che ha le potenzialità per giocare una grande stagione. Comunque – continua Corona – sono molto soddisfatto della mia squadra e di come mister Bertolucci ha lavorato per ridare a questi ragazzi la carica dopo la brutta sconfitta casalinga subita contro il Lodi. Ora dobbiamo migliorare ancora se vogliamo centrare al più presto l’obiettivo della permanenza in serie A1. Ora la parentesi di Eurolega, al Vecchio Mercato contro i “mostri” del Benfica, poi mercoledì 20 ci rituffiamo in campionato, quando, sempre al Polivalente, ci aspetta ancora un altro turno molto complicato contro  l’Ubroker Scandiano di Roberto Crudeli, una formazione attrezzata per puntare alle semifinali scudetto e una delle squadre più in forma del momento, un’altra missione difficilissima. Però noi dobbiamo continuare a  pensare – conclude Corona – che  ogni partita sarà per noi una finale se vogliamo rivincere il nostro scudetto della salvezza.”

Veniamo alla cronaca della partita. Mister Diego Mir schiera nello starting five iniziale Francisco Veludo, Amato, Mitjans, Teixido, Scuccato un quintetto molto esperto con a disposizione un nugolo di giovani il secondo portiere Zanfi,  Retis, Costenaro e i giovanissimi Dalla Valle e Borgo. Bertolucci risponde con il solito quintetto Corona, Garcia, Ipinazar, Borsi, Rossi. In panchina insieme ad Alessio Bianchi, Moyano, Perroni, Fantozzi e Rispogliati. Rossoneri avanti dopo 3’,33” di gioco con una palombella di Ipinazar che passa tra una selva di gambe e si infila in rete ingannando Veludo. La squadra di Bertolucci raddoppia al 6’,35” l’azione è la fotocopia del vantaggio, con un tiro da fuori di Borsi deviato in porta da Rossi. Il Breganze reagisce, ma Corona fa buona guardia e respinge ogni assalto. Cartellino blu a Perroni al 16’,43 e tiro di prima per il Breganze. Si incarica della battuta Teixido, ma Corona si supera e respinge la battuta del catalano.

Durante il successivo power play Mitjans trova il gol che accorcia le distanze con una sassata la limite dell’aria che non lascia scampo a Corona. Negli ultimi otto minuti di gara c’è il tempo per alcune parate di Corona e Veludo e con il Sarzana il vantaggio per 2 a 1 le due squadre vanno al riposo. Ad inizio ripresa dopo appena 48 secondi rigore per Credit Agricole: Borsi realizza con precisione. Passano due minuti e rigore anche per il Breganze, ma Corona si supera sulla conclusione dal dischetto di Mitjans. A metà ripresa break decisivo dei rossoneri che vanno in gol due volte in meno di un minuto prima con Moyano al 12’,22”  che deposita in rete uno splendido assist di Ipinazar e venti secondi dopo con una splendida azione personale di Rossi che da sola valeva il prezzo del biglietto d’ingresso. Sul 5-1 la partita sembra chiusa, Eloi Mitjans, è costretto ad uscire anzitempo dalla pista a causa di un problema muscolare  ma il Breganze con grande cuore e determinazione riesce a riaprirla.

Mister Diego Mir schiera in pista contemporaneamente i tre giovani della cantera Breganzese: Borgo, Costenaro e Dalla Valle. Proprio Dalla Valle accorcia con una conclusione ravvicinata, mettendo in rete un pregevole assist da dietro porta di Borgo. Dopo solo 26 secondi segna anche Amato con un bolide dalla distanza, deviato in area a pochi metri da Corona. A 7’,15” dal termine è l’ enfant-prodige Breganzese, Andrea Borgo,  che con il suo primo gol in seria A1 a portare il Breganze a -1 nel punteggio. Credit Agricole potrebbe chiuderla di nuovo al 18’,37” ma Veludo è bravo sventare il tiro di prima di Moyano, causato dal decimo fallo di squadra del Breganze.

Assedio finale rossonero. Simone Corona sale sugli scudi e para tutto. Nell’ultimo minuto di gioco Diego Mir toglie il portiere Veludo ed inserisce il quinto uomo di movimento, ma i rossoneri resistono.  La sirena finale è liberatoria per la “banda dello zingaro” che si scioglie in un lungo abbraccio  al centro della pista.

Ora serve continuità, il prossimo appuntamento è con l’ Eurolega, al Vecchio Mercato, infatti il Credit Agricole Sarzana è atteso sabato 16 Novembre contro i Portoghesi del Benfica e poi mercoledì 20 ancora al Vecchio Mercato ritorna la serie A1 contro l’ Ubroker Scandiano dell’ex Sergio Festa.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.