Bliz Recco alla Mompiano, 11-9 al Brescia

18

Luci a Mompiano: sono quelle della Pro Recco che fa suo il classico con il Brescia. Finisce 9-11 una gara senza storia, con i biancocelesti sempre avanti e con un’ottima difesa per tre quarti di match. Con questa vittoria i campioni d’Italia staccano i lombardi e restano in vetta insieme all’Ortigia.

Due assenti per parte, Nicholas Presciutti e Guerrato per Bovo, Bijac e Velotto nel team di Rudic. Portieri protagonisti in avvio: Del Lungo para su Figlioli e Ivovic, Massaro blocca Bertoli e poi viene salvato dal palo sul tiro di Alesiani con Ivovic espulso. L’equilibrio lo rompe proprio il montenegrino che rientra dal pozzetto e fredda il portiere avversario dopo due minuti e 45 secondi di gioco. I lombardi potrebbero pareggiare ma sul rigore di Cannella, Massaro è mostruoso e respinge. Gol sbagliato, gol subito: regola applicata da Echenique che avanza solitario e raddoppia. La difesa della Pro Recco è di ferro e Dobud, a 36 secondi, dalla sirena si gira da campione per lo 0-3 con cui si chiude il primo parziale.

Servono poco più di 100 secondi del secondo tempo, e l’espulsione di Fondelli, per vedere il primo gol del Brescia: lo segna Cannella, il capocannoniere del campionato. I campioni d’Italia non si scompongono: Aicardi recupera palla a Figari e lancia Ivovic in controfuga che non sbaglia. L’ex recchelino si fa perdonare battendo Massaro sopra la testa con Di Fulvio nel pozzetto. Come a Zagabria la Pro Recco fa una fatica tremenda con l’uomo in più e Cannella la punisce riportando i suoi ad una rete di distanza quando mancano meno di tre minuti alla sirena. Rudic predica calma e i suoi ragazzi eseguono: Aicardi si gira si gira al centro e infila Del Lungo, Ivovic in controfuga non sbaglia e fa tris. Tre come le reti di differenza tra le due squadre: al cambio campo è 3-6.

La Pro Recco si sblocca con Mandic alla sesta superiorità dopo meno di 90 secondi del terzo tempo, poi il numero 3 serbo replica a uomini pari per il +5. La reazione dei ragazzi di Bovo è affidata ancor a Figari che da 8 metri trova l’angolino per il 4-8. Risultato che cambia ancora a 36 secondi dalla sirena: Dobud appoggia in rete il morbido passaggio di Luongo da un palo all’altro. L’ultimo sussulto prima della sirena è di marca bresciana con Nora che supera Massaro sfruttando la superiorità numero undici che vale il 5-9.

Nel grande classico può mancare il classico gol di Di Fulvio? Assolutamente no. E allora eccolo il +5 del pescarese all’alba del secondo minuto di gioco. Non è mai finita a Mompiano: il tiro di Christian Presciutti, deviato, beffa Massaro, poi Bertoli e Cannella infiammano il pubblico di casa che comincia a crederci sull’8-10 a due minuti e quaranta secondi dal termine. A freddare i bollenti spiriti ci pensa Luongo che con Figari espulso definitivamente segna un gol alla sua maniera da posizione 5 sul rientro dal pozzetto del giocatore bresciano: a 100 secondi dalla fine la Pro Recco è sull’ 8-11 e la girata vincente di Presciutti, a 30 secondi dalla sirena, non può fare più paura.

“Abbiamo fatto un’ ottima prestazione in difesa – commenta Massaro – c’eravamo detti che dovevamo migliorare rispetto a Zagabria e così è stato. Rigore parato? Ho studiato Cannella prima della partita, ma lo conosco già molto bene visto che abbiamo giocato le Universiadi insieme. Sono contento a livello personale di questo periodo da titolare. Voglio continuare su questa strada per sognare la Nazionale”

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.