Lui e Lei: ancora festa per gli amanti del Dinghy a Santa Margherita Ligure

101

La regata Lui e Lei in Dinghy 12’ è una gran bella tradizione del Circolo Velico Santa Margherita Ligure.

Di recente scarseggiano le mogli, che forse dopo averne disputate tante si sono stufate, ma tra quelle che resistono e figlie, fidanzate, nipoti, amiche, si registra un bel ricambio e domenica erano in 12 i team che si sono affrontati in due prove caratterizzate da tempo splendido, meno mare di quello sperimentato sabato, vento regolare sui 3 m/s e nuovamente notevole corrente.

Partiamo subito dal risultato finale: ha vinto la coppia Federico Pilo Pais- Francesca Lodigiani. Lui al timone, lei a far da zavorra mobile sensibile sulla panchetta centrale. Blu Amnesia ha letteralmente volato e nonostante gli attacchi nella prima prova del temibile Vinz Penagini insieme alla bionda nipote dagli occhi blu Bianca e dell’Airone Vittorio d’Albertas con Paola, Pilo ha avuto la meglio.

Meno insidiata la vittoria nella seconda prova con un po’ più di vento, nonostante l’inseguimento di Andrea De Santis con la bionda prodiera Anna, poi arrivati sesti in generale. Da segnalare il terzo posto di Titti Carmagnani che schierava come prodiera del suo Lillia bianco e verde Toulì la bella pronipote 19enne Giorgia, studentessa di giurisprudenza, Al quarto posto è arrivato Vittorio d’Albertas con Paola, che nei lati di poppa ha funto da efficace ritenuta della vela. Va detto che veder regatare Mr Quantum su una barca che di nome fa Baraonda, cioè di una veleria avversaria, fa un po’ strano, ma radio banchina riporta che non sarà per molto e che la nuova barca – questione di mese? mesi? – arriverà. Ottima la prestazione di Matteo, cioè Bavestrello Jr, al timone di Margo con la mamma Marina a prua, arrivato quinto. Al settimo posto l’unico legno in gara, il bel Riva Testa Vuota con Danilo e Isa Chiaruttini, molto attesi nel circuito del Trofeo Dinghy Classico che di recente hanno un po’ disertato. Ottava Vittoria Rainusso con il padre Nicola a fungere da prodiere su AICD Always, il Lillia Bianco della Classe Dinghy. Nono Maurizio Carossia che a prua del suo Ochin de Medulin blu aveva la figlia Caterina. Decima Gallinella, con Marcello De Gasperi che in via eccezionale ha lasciato il timone a Caterina. Undicesimi Gianni Fabro e la moglie Battistina, che per l’occasione ha “tradito” il suo abituale ruolo in barca giuria. A chiudere la classifica Stefano Manara con la figlia Beatrice sul The Legend di Glauco Briante che necessita di un po’ di messa a punto. All’arrivo sorrisi e allegria e una premiazione che oltre alle usuali targa e coppe, ha dispensato profumi e borse messe a disposizione dal Dinghista dell’Anno 2018, il velaio di Chioggia, antico e grandissimo appassionato di Dinghy 12’, Roberto Ballarin.
Cala il sipario su un’altra edizione di un tipo di regata che per il Dinghy 12’ oggi viene organizzata solo dal Circolo Velico di Santa Margherita Ligure.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.