Mondiali: Cerruti sesta nei preliminari del libero

37
Linda Cerruti a Budapest

Un po’ farfalla, un po’ libellula in tinte noir. Leggerezza e speranza. Consapevolezza e libertà. Linda Cerruti è l’angelo dei Massive Attack. Sinuosa ed elegante, ma anche irruente ed aggressiva. Si sposta nell’acqua con vanità, l’accarezza con le braccia, la rompe con le gambe, la divora con vortici energici che creano cerchi concentrici che si dipanano in lontananza.

La 25enne savonese interpreta la coreografia di Gana Maximova in stile trip-hop, seguendo il ritmo lento e profondo delle chitarre (che richiamano i primi Cure) accompagnate da una linea di basso pesante e da una voce soave che rendono il brano del 1998 oscuro ed heavy.
La reginettà d’Europa – 15 medaglie tra cui l’argento la scorsa estate a Glasgow – conclude i preliminari del libero col sesto punteggio di 90.2333 (27.1 per l’esecuzione, 36.1333 per l’impressione artistica e 27 per la difficoltà), avvicinando il totale di 90.6 che due anni fa le consentì di piazzarsi a Budapest al quinto posto. Ora c’è da inseguire la canadese Jacqueline Simoneau, nell’edizione magiara alle spalle con 90.1333, adesso davanti in 90.4333. Due decimi di punto che rappresentano lo scontro diretto in programma nella finale di mercoledì alle 19:00 locali, mezzogiorno italiano.

Contenta il cittì Patrizia Giallombardo: “Ha nuotato bene, anche se ha ceduto leggermente nell’ultima parte. Possiamo concederle un momento di debolezza perché è iscritta a tutte le gare. Sono contenta della prestazione e confidiamo nella finale per contendere il quinto posto alla canadese Simoneau”. 

Soddisfatta anche l’atleta di Marina Militare e RN Savona: “Sono contenta più che altro perché mi sono veramente divertita a nuotare. Sono riuscita a godermi l’esercizio a differenza del tecnico che subisco di più. Penso di poter migliorare in finale perché in acqua ho percepito le imperfezioni commesse. L’obiettivo è superare Simoneau anche se prima della gara devo pensare esclusivamente alla prestazione senza lasciarmi condizionare dalla ricerca del risultato. L’importante è dare il massimo. Finora le gare stanno andando bene. Sia con la squadra sia con il tecnico abbiamo ottenuto punteggi mai raggiunti a un mondiale. Quindi c’è grande entusiasmo e voglia di superare i propri limiti”. 

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.