Primo referto rosa per Vado nella seconda fase

25

Prima di ritorno per gli under 18 eccellenza nel girone interregionale e primo, bellissimo, referto rosa. A farne le spese la Pallacanestro Don Bosco Livorno, storico settore giovanile.
Fin dalle prime battute Vado mette in mostra il desiderio di poter dire la sua in questo girone di ferro, facendo capire a Livorno che non sarà facile trovare la via del canestro. Il primo quarto termina così 16 pari con le squadre che rispondono colpo su colpo.
Nel secondo quarto i pappagallini continuano a difendere con grande energia, giocando anche una buona pallacanestro in attacco. Qualche palla persa o non recuperata di troppo, per il solito vizio di superficialità, non permettono il giusto premio alla prestazione dei liguri.

Nella seconda metà del quarto gli ospiti passano a zona, Vado ha qualche passaggio a vuoto che permette a Livorno di prendere il massimo vantaggio di 6 punti. Dal time out Vado esce con le idee più chiare, attacca meglio la zona e va all’intervallo sotto 30 a 33. Punteggio poco generoso rispetto alla prestazione dei nostri, che pagano in alcuni frangenti un po’ di superficialità in alcune giocate.

Al rientro dagli spogliatoi la difesa dei pappagallini si fa ancora più serrata e questa volta anche attenta, mentre in attacco nonostante qualche contropiede fallito, si producono azioni di vera pallacanestro. Così ne nasce un parziale che ribalta il risultato e porta Vado a comandare 48 a 44. Negli ultimi dieci minuti, la difesa continua a essere solida, ma la frenesia di portare a casa un grande risultato gioca brutti scherzi, così le palle perse regalano troppi doppi possessi che permettono a Livorno di rimanere attaccata al match sotto di un solo possesso.

Fortunatamente negli ultimi 90 secondi viene ritrovata un po’ di lucidità e, con i liberi di Anaekwe, Lo Piccolo, più il bel canestro di Pesce, si può festeggiare una insperata ma più che meritata vittoria.

C’è grande soddisfazione perché per la prima volta questa squadra ha vinto una partita di alto livello in difesa, con voglia, energia ed attenzione, cosa che ha permesso di reggere l’impatto coi quotati avversari. Ora bisogna avere l’ambizione di continuare ad alzare l’asticella dell’attenzione, mantenendo questa difesa e riducendo le palle perse, per essere ancora più competitivi.

Azimut Pall. Vado 71 – 66 Pall. Don Bosco Livorno (16-16; 30-33;48-44).
Pall. Vado: Bondì n.e, Cito 7, Pesce 10, Lo Piccolo 15, Bertolotti n.e, Pintus 14, Brignolo 6,
Anaekwe 8, Tsetserukou 11, Cirillo. All. Imarisio, Ass. Prati e Dagliano S.
Don Bosco Livorno: Bechi 6, Ense 3, Muzzati, Paoli 9, Ceparano 25, Korsunov 18, Barzacchi,
Pino, Bellvista, Onojaife Allan, Calvi 5. All. Venucci, Ass. Pillastrini.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.