Borsa di Studio “Carlo Sbragi”: una tradizione felice

Condividi

È diventato praticamente ormai un’importante tradizione per l’Aero Club di Genova – associazione sportiva dilettantistica impegnata in attività formativa per la diffusione della cultura e della pratica delle discipline aeronautiche – il concorso per le borse di studio “Carlo Sbragi”, destinate a 4 giovani, di età compresa tra i 16 e i 26 anni, che vogliono ottenere la licenza di pilota privato, con una delle quattro riservata specificatamente ad un’esponente del sesso femminile. 

LEGGI IL BANDO

UNA TRADIZIONE CHE PROSEGUE.

Una tradizione visto che si sta ripetendo nel tempo e negli anni con notevole successo: una tradizione perché ricorda Fioravante “Fiore” Sbragi, che del Club fu presidente, ma che è anche un mito dell’aviazione genovese nel mondo ed il suo ricordo si rafforza e vive attraverso l’impegno e la passione dei concorrenti alla borsa di studio.

Merito di Fernanda Giavarini, vedova di Fiore, che lo ha sempre seguito nella vita e che intende ricordare il marito ma soprattutto il figlio Carlo, cui peraltro è intitolata la sua generosa iniziativa, che consiste in un contributo di 6 mila euro per ogni borsa, pari a 25 ore di volo di addestramento, a fronte del costo minimo previsto per l’intero corso di circa 14 mila euro, con un minimo di attività di 45 ore di volo previste dalle normative europea EASA e nazionale ENAC per il conseguimento della licenza di Pilota Privato PPL (A).

QUATTRO ASPIRANTI PILOTI.

Obiettivo delle borse di studio è fornire un consistente contributo che permetta a quattro giovani aspiranti piloti di frequentare una delle scuole di pilotaggio di eccellenza in Italia, qual è l’Aero Club di Genova, e di trasformare la passione per il volo in una opportunità formativa e professionale per il futuro. Anche in considerazione del fatto che l’aviazione avrà sempre maggiore importanza in una società dove gli spostamenti sono determinanti allo sviluppo e fanno parte della quotidianità della vita. Con l’aereo protagonista primario.

Il brevetto da pilota privato è infatti fondamentale per accedere alle abilitazioni, quali le licenze di volo commerciale – CPL e di volo strumentale – IFR, necessarie per intraprendere le professione del volo: lavoro aereo, compagnie aeree, accademia aeronautica, voli executive e quanto connesso all’aviazione.

Senza dimenticare come il volo e l’attività di pilota, seppure resti a livello di passione personale, costituiscano una formazione morale ed intellettuale quanto mai importante ed utile nella vita, soprattutto per i giovani.

Per ottenere le borse di studio è previsto un esame costituito da una prova scritta in forma di quiz, parzialmente in lingua inglese, su argomenti di cultura generale e aeronautica, il cui superamento dà l’accesso alla prova orale finale. I vincitori saranno iscritti al corso per il conseguimento dell’abilitazione di pilota privato, composto da un modulo teorico e da uno pratico di almeno 45 ore di volo a bordo di monomotore.

LE QUATTRO BORSE DI STUDIO SONO RISERVATE AI RESIDENTI NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI GENOVA.

LE DOMANDE DOVRANNO PERVENIRE ENTRO IL 30/04/2019.

LEGGI IL BANDO

spot_img

Articoli correlati

La Samp si difende bene ma l’Atalanta è troppo forte e vince 2-0

Continua il periodo nerissimo della Sampdoria, che non solo...

Il Genoa sbatte sul Pisa, 0-0 nonostante la superiorità numerica

Finisce senza reti tra Genoa e Pisa con i...

Il Calcio ricorda Carlo Tavecchio con un minuto di silenzio

Su disposizione del Presidente della FIGC Gabriele Gravina prima...

Grand Prix Lampo a Santa Sabina in partenza venerdì 3 febbraio

Scacchi che passione. Lo sport della mente che cattura grandi...

Champions League: Gamma Innovation Sarzana fa soffrire gli spagnoli del Nola

 Una serata di emozioni nell’esordio della Champions League e...

Serie A: Recco ospita Milano, CUS Genova sfida Parma

Nell’ultimo weekend di gennaio saranno in campo tutte le...
- Advertisement -spot_img