Aikido: stage dei bambini a Tovo San Giacomo

99
banner_696x100genoasamp

Il dojo Shin Ken di Tovo San Giacomo del Maestro Roberto Vidimari ha organizzato uno Stage di Aikido, censito per il secondo anno consecutivo tra i Raduni Certificati dell’Aikikai d’Italia, come uno dei pochissimi raduni dedicati esclusivamente ai Bambini.


Nato inizialmente come evento benefico nel 2012 per sopperire al furto di un obolo che era stato raccolto dalle scuole di Tovo in favore dell’Ospedale Pediatrico Giannina Gaslini, questo stage, adesso ufficiale, è giunto con grande energia alla sua 8^ edizione.

Lo Shin Ken, facente parte, (insieme all’Aiki dojo di Finale Ligure), della Sezione della Polisportiva del Finale ‘Scuola di Aikido di Finale Ligure e Tovo San Giacomo’ è un dojo che oseremmo definire quasi unico nel suo genere, in quanto nato, diversamente da quanto avviene usualmente, (l’Aikido è un’arte che in Italia viene rivolta ancora prevalentemente ad un pubblico adulto), dalla volontà del Maestro Vidimari di allenare i bambini (anche se il dojo prevede comunque da qualche tempo anche un corso per adulti), cosa che fa con passione e dedizione da oltre 30 anni: già istruttore di Karatè nei progetti scuola, infatti, Roberto insegna Aikido ai bambini in dojo e nelle scuole da circa un ventennio.

La mattina è iniziata, come da programma, con una mezzora di Kinorenma, pratica di meditazione, respirazione, concentrazione e rilassamento, proposta dal Maestro Vidimari ai bambini e ragazzi iscritti allo stage, ma aperta anche ai loro genitori o in generale ai loro accompagnatori interessati a partecipare.

Questo ha permesso di instaurare un clima rilassato, concentrato e piacevole nei bambini e nei ragazzi che hanno quindi partecipato in modo attento e costruttivo alla lezione di Aikido tenuta subito dopo dal Maestro.

Una seconda lezione è stata condotta dal Maestro nel primo pomeriggio ed a questa è poi seguito un piccolo Embukai, una dimostrazione aperta alle famiglie e a tutto il pubblico, che si è dimostrato divertito ed interessato alle proposte del Maestro, accolte con impegno dai ragazzi. Un momento tenero e ‘ricco’ di Aikido della dimostrazione è stato quello in cui il Maestro Vidimari ha fatto salire sul tatami i suoi allievi più giovani, dai 3 ai 5 anni, che tra capriole e sorrisi, si sono dimostrati i più energici e simpatici tra tutti gli aikidoisti.

L’Aikido che viene rivolto ai bambini di questa età è un ‘Aikido propedeutico’ all’Aikido vero e proprio, proposto in forma di gioco e basato su tecniche di concentrazione che mirano semplicemente a sviluppare la capacità di attenzione del bambino in età prescolare e la conoscenza dello spazio e del come ci si muove in esso, attraverso il gioco e la relazione con il Maestro ed i compagni. Il Maestro Roberto Vidimari, infatti, dedica particolare attenzione allo sviluppo dell’insegnamento ai bambini in questa fascia di età, tenendo due corsi a loro rivolti, (a Tovo e a Finale) e collaborando con diverse scuole dell’Infanzia del territorio.

Tornando all’Embukai, per i bambini che praticano Aikido, arte marziale non agonistica che non prevede né gare, né spirito di competizione di nessun genere, (così come il momento degli esami), essa rappresenta un’occasione per confrontarsi e poter dare dimostrazione di quanto acquisito, oltre che un momento di grande emozione per i più piccoli e non solo. Importante infatti è stata l’impronta data dal Maestro Vidimari all’Embukai che ha voluto mostrare al pubblico quella che è la progressione e la crescita dell’Aikidoista nel dojo: proprio per questo la scelta è stata quella di cominciare con l’attività propedeutica fatta dai piccolini, per poi passare ai bambini ed ai ragazzi, agli adulti ed infine ai Maestri.

Ed in questa bella giornata aikidoistika, non meno importante è stato anche il momento conviviale del pranzo, tutti insieme bambini, ragazzi e Maestri e la merenda al termine della lezione pomeridiana, condivisa anche con i famigliari e gli amici venuti a vedere i ragazzi, organizzata dal Maestro Vidimari con bibite, frutta e focaccia, per non parlare delle pizze e delle buonissime torte preparate dai genitori dei bambini. Un altro momento prezioso di condivisione.

E per ultimo, ma non meno importante, ci teniamo a citare la davvero apprezzata e gradita, nonché onorevole partecipazione numerosa degli allievi del dojo Aikikai Imperia e dei loro bravissimi istruttori e Maestri che si sono messi in gioco accogliendo con entusiasmo e attenzione tutte le proposte del Maestro Vidimari. Si è trattato per tutti noi di una meravigliosa esperienza di scambio e amicizia, che ha decisamente arricchito questa giornata luminosa, nonostante la pioggia, perché fare Aikido è fare crescere “il sole” (concedeteci la licenza), l’energia positiva che hai dentro, e che siamo certi abbia arricchito davvero anche la giornata di tutti i nostri ragazzi, che hanno potuto incontrare altri allievi e nuovi amici oltre che aver commosso il nostro Maestro.

A questo punto il desiderio e l’auspicio per il prossimo futuro è quello di poter programmare per i bambini ed i ragazzi altri incontri di questo genere e di poter presto ricambiare la visita agli istruttori e ai giovani aikidoka del dojo di Imperia. Questo perché come ci raccontano i Maestri del dojo di Imperia, come dice il loro Responsabile, il Maestro Carlo Raineri, membro della Direzione Didattica dell’Aikikai, “l’Aikido bisogna provarlo, non spiegarlo”.

E allora è proprio questo l’obiettivo che vogliamo darci nel breve termine: sentiamo che è giunto il momento di organizzare per davvero costruttivi e numerosi incontri, lezioni e stage, occasioni di scambio, crescita e divertimento per i nostri piccoli e giovani Aikidoka, continuando a proporre e a diffondere l’Aikido anche a partire dalle scuole. Proprio in quest’ottica nei prossimi giorni saremo lieti di andare a trovare nel suo dojo il Maestro Roberto Bulzomì di Vallecrosia, (ed i suoi allievi), venuto recentemente a tenere una bellissima ed interessante lezione nel

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.