Al duo alessandrino Bucchi-Perricone l’ottavo Memorial Capurro coordinato dalla Fibis

79

A Barbara Bucchi e Massimo Perricone la vittoria dell’ottava edizione del Memorial Luciano Capurro organizzata dal team del Circolo San Pietro di Avegno sotto l’egida della Federazione Italiana Biliardo Sportivo. Il duo alessandrino ha battuto in finale Giovanni Verdina e Valter Lagomarsino della Bocciofila Corzetto di Camogli. Posti d’onore per Alessio Carbone/Giorgio Arduino (Agoms) e Livio Trebino/Luciano Speroni del team organizzatore.

Superpalio di A. Causa l’improvvisa scomparsa di Rocco Romeo, personaggio storico e di spicco del biliardo genovese e non solo del circolo Unione, il match tra la compagine di via Caderiva e il Punto Sportivo è stato rinviato, mentre si sono regolarmente disputate i restanti match in calendario nella seconda giornata di ritorno. Il Circolo Santa Zita – grazie ai successi ottenuti dai singoli Federico Polverosi e Massimo Ciccionesi oltre alla coppia formata da Alessio Oliveto e Alberto Bassignani – fa suo lo “scontro” con il team dell’8 Marzo che esce battuto di misura in virtù delle vittorie di Omar Dallari nell’individuale e della coppia Davide Procopio/Maurizio Mesiti. In virtù di questo risultato la compagine di corso Sardegna si attesta provvisoriamente al primo posto in attesa del recupero tra lo “Sportivo” di Rapallo e l’Unione, con questi ultimi ancorati al secondo posto a tre lunghezze, mentre al terzo gradino l’8 Marzo e i rivieraschi del Bar Rodo che giovedì saranno impegnati nello scontro diretto.

Superpalio di B. Il Circolo CAP, sul filo di lana, affianca il Bar Rodo Rapallo in vetta alla graduatoria andando a dividere il titolo di campioni d’inverno, mentre la “terza incomoda” del Sant’Ilario viene travolta dalla Concordia . La formazione di via Albertazzi vince di misura contro il Bar Rodo 1 – grazie al successo dei due singoli Aldo Bisacchi, Giuseppe Longo e della coppia Mario Di Nola/Sergio Traverso – e raggiunge al vertice i rivieraschi del Rodo 2 battuti tra le mura amiche, 2-3 il risultato finale, dal San Pietro di Avegno – per i padroni di casa vittoria nell’individuale di Giancarlo Camisa e con la coppia Massimo Berretti/Andrea Tirelli, mentre i tre punti degli ospiti arrivano per merito di Marco Sorzio, Alessandro Gabbi tra i singoli e dalla coppia formata da Marco Lucchini/Daniel Pozzo. Debacle inaspettata per il team del Sant’Ilario, scivolato al secondo posto a due punti dalla vetta, in casa della formazione de La Concordia. Il punto della bandiera arriva per merito della coppia formata da Enrico Polverosi e Sandro Silvestre, mentre per i padroni di casa i quattro punti conquistati portano la firma dei tre singolaristi: Franco Trovato, Gabriele De Fornari, Andrea Perelli e del duo formato da Luigi e Patrizio Campi.

Superpalio di C. Nel girone A tempi difficili per le prime della classe: la capolista Amici Certosa (2-3 contro il CAP) e le due inseguitrici Santa Zita (2-3 contro il Punto Sportivo Rapallo che sale al terzo posto ad un solo punto) e Democratica (1-4 dal Confidenza di Sestri Levante). Risultati inaspettati alla vigilia e giovedì prossimo, con la terza giornata di ritorno, le quattro  formazioni saranno ancora impegnate in match tutt’altro che tranquilli con la capolista che effettuerà il turno di riposo, il Santa Zita farà visita al CAP e la Confidenza sarà impegnata a Rapallo nell’attesissimo derby contro lo “Sportivo”. Nel “B” l’Arci Pinetti – grazie ai successi dei singoli Bruno Guidotti, Franco Marascio e delle coppie Mario Mania/Ivan De Turris e Franco Cammaroto/Mauro Papini – si sbarazza del fanalino di coda Agoms e raggiunge al comando il Circolo Unione vittorioso di misura (vittorie per Gianfranco Bertoni, Pippo Antola e la coppia Massimo Rossi/Tommaso Dell’Aquila) in casa del Circolo Testana. Secondo posto, a quattro punti dalle prime della classe, per il Bar Gatto e la Volpe che grazie ai successi di Giorgio De Cherchi, Lorenzo Marini, Luigi Iovinella e la coppia Vincenzo Mangiatordi/Giovanni Giorgi fa suo il suo lo scontro diretto, per la seconda poltrona, contro il San Pietro Avegno.

Condividi