“Caimani come me” e la Pallanuoto alla serata Cultura

46

Giovedì prossimo alle ore 18, nel Salone d’Onore del CONI, Casa delle Federazioni a Genova in V.le Padre Santo 1, ci sarà la giornata di cultura del Panathlon Club
Genova che, tra gli eventi, presenterà il libro “Caimani come Me” firmato da Claudio Mangini e curato insieme al protagonista e mito Eraldo Pizzo. Con loro dialogheranno personaggi che hanno fatto la storia della pallanuoto, gli illustri Enzo Barlocco, Maurizio Felugo, Alessandro Ghibellini ed Eugenio Merello. Titti Farina ed Eugenio Maliscev Bruzzone leggeranno brani tratti dal libro.

Giorgio Guerello, Presidente del Panathlon Club Genova, sottolinea come sia rilevante presentare un libro a tema sportivo perché è un fatto culturale importante ed un invito per far conoscere e divulgare i valori dello sport e dei campioni che lo hanno praticato. Questo evento è collegato alla donazione dei libri dei Soci alla biblioteca del CONI Liguria Emanuele Scarpiello e ne farà parte. Inoltre, prosegue il Presidente, il tutto avviene nell’ambito della nostra cerimonia della consegna delle Patenti Etiche che si configura proprio nelle attività di un club service per il riconoscimento dei valori sportivi e per quanto fatto dalle molte Società sul territorio.

Il Panathlon Club Genova, fondato il 21 maggio 1952 è il terzo club Panathlon al mondo per anzianità, ed è parte del Panathlon International sotto il quale si riuniscono tutti i Panathlon Club del mondo (presente in 25 paesi). È una libera Associazione senza scopo di lucro riconosciuta dal Comitato Internazionale Olimpico con finalità etiche e culturali che si propone di approfondire, divulgare e difendere i valori dello sport, intesi come strumento di formazione civica e culturale, veicolo di solidarietà autentica tra gli uomini senza distinzioni politiche, di razza, di sesso.

L’attività del Panathlon Club Genova, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sugli aspetti educativi dello sport, è orientata alla diffusione della “Carta dei diritti del ragazzo nello sport”, alla “Carta dei doveri del genitore” e al conferimento delle Patenti etiche, una sorta di certificazione dei valori panathletici che è data alle società meritevoli e di dimostrata capacità organizzativa.

Il motto latino del Panathlon ludis iungit traducibile nell’ideale di “Uniti nello Sport e per lo Sport” spinge gli associati ad operare per affermare il concetto di etica sportiva basato sul Fair Play nell’ideale decubertiano da cui ha origine il concetto stesso di confronto sportivo.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.