Fabio Fognini conquista Bastad. Da oggi è numero 14 ATP

Fabio Fognini in trionfo in Svezia

E’ stato Fabio Fognini a firmare il trofeo dello “SkiStar Swedish Open”, torneo ATP 250 con un montepremi di 501.345 euro che si è concluso sulla terra rossa di Bastad, in Svezia. In finale il 31enne di Arma di Taggia, numero 15 del ranking mondiale e terza testa di serie, ha battuto per 63 36 61, in un’ora e 48 minuti di partita, il francese Richard Gasquet, numero 29 Atp e quarto favorito del seeding, mettendo a segno il secondo successo con il 32enne di Beziers in altrettante sfide sul “rosso” (due pari invece il computo totale dei testa a testa). Grazie a questa vittoria da lunedì Fognini sarà numero 14 Atp, ad un solo passo – e ad una manciata di punti – dal suo best ranking (numero 13 datato 31 marzo 2014).

La cronaca. Fabio è partito maluccio, conquistando solo uno dei primi otto punti giocati e subendo il break nel primo game. Poi si è “svegliato”, è entrato in partita, non ha concesso quasi più nulla al servizio ed ha tolto per due volte consecutive la battuta a Richard, nel quarto e nel sesto gioco, archiviando il primo parziale per 6-3. In avvio di seconda frazione Fognini ha fallito tre palle-break consecutive e poi è stato invece lui a subire il break nel quarto gioco (3-1) commettendo la bellezza di tre doppi falli consecutivi: Gasquet gli ha restituito immediatamente il favore ma nel sesto game l’azzurro ha ceduto nuovamente la battuta e stavolta il 32enne di Beziers non si è distratto e ha difeso il vantaggio fino a pareggiare il conto dei set. Nella frazione decisiva Fabio ha dimostrato di essere più fresco fisicamente: è salito 3-0 e poi ha archiviato la finale per 6-1 al quarto match-point, dopo aver annullato un ultima chance di break a Gasquet.

“Non posso essere che molto soddisfatto perché è sempre complicato giocare contro Richard. E’ un torneo bellissimo, non ci giocavo da tanti anni e sono contento di essere tornato per vincerlo. Il doppio? Sono un po’ stanco ma mi faccio una bella doccia e poi sarò di nuovo pronto a scendere in campo”, ha detto Fabio.
Per il ligure – premiato da Toni Nadal – è il settimo trofeo in carriera su 16 finali disputate, il secondo in questa stagione dopo quello conquistato lo scorso febbraio a San Paolo, battendo in finale il cileno Nicolas Jarry.
Fabio è il quinto italiano a iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro: in precedenza ci erano riusciti Tonino Zugarelli (1976), Corrado Barazzutti (1977), Paolo Cané (1989) e Andrea Gaudenzi (2001). Con il successo a Bastad Fognini consolida il secondo posto nella classifica dei plurivincitori azzurri:
10 – Panatta
7 – FOGNINI
6 – Bertolucci
5 – Barazzutti

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.