Genoa, ti presento Radu e Valietti

Condividi

Concluso lo scambio tra Genoa e Inter tutto improntato sui giovani, ai rossoblù vanno Radu e Vailetti, in nerazzurro Salcedo e Serpe.

Affare fatta tra Genoa e Inter. Gli incontri degli ultimi due giorni tra le società hanno dato esito positivo per uno scambio di giovani che coinvolgerà il portiere Radu e il terzino destro Valietti che passano ai rossoblù, e l’attaccante Salcedo e il difensore Serpe, che approdano nella Milano nerazzurra. Preziosi spenderà 12 milioni di euro ma l’Inter per i suoi due ex Primavera si terrà il diritto di recompera, i due grifoncini arriveranno ad Appiano in prestito con diritto di riscatto per il club che li accoglie e controriscatto per che li lascia andare.

Genoa: chi è Radu

Il primo profilo da passare ai raggi x è quello del portiere classe 1997 Andrei Radu. Sarà con ogni probabilità lui il secondo di Marchetti nel nuovo Genoa. Del numero uno romeno si parla bene da un paio di anni, da quando ha esordito in prima squadra nell’Inter mettendo a segno una sola presenza in sostituzione di Carrizo nella sconfitta 3-1 contro il Sassuolo del 2016. L’anno scorso il primo passo verso il professionismo con le 22 presenze con l’Avellino in serie B. La sua prima esperienza in Italia non è però quella in nerazzurro, a soli 16 anni si trasferisce alla Pergolettese dove rimane per soli 6 mesi prima di arrivare nella Primavera del club milanese con cui nel 2015 vince sia il Torneo di Viareggio che la Coppa Italia di categoria. Successi che lo fanno entrare anche nel mirino della Nazionale, è lui infatti il guardiano della porta dell’Under 21 del suo paese.

Genoa: ecco Valietti

Il Genoa, come detto, accoglierà per la fascia destra il bergamasco di 19 anni Federico Valietti che molto probabilmente sarà aggregato alla prima squadra in ritiro per testare le sue capacità e la sua maturità. Sì perché il laterale destro che ha come idolo Javier Zanetti ad oggi non ha mai toccato con mano la realtà del professionismo, giusto, probabilmente, per un ragazzo della sua età e che gioca in ruolo così delicato. Campione d’Italia in carica con la Primavera nerazzurra, su di lui c’erano anche Sassuolo e alcuni club di serie B segno che la maturazione è completo e in tanti puntano su di lui, il Genoa è però arrivato per primo e ora testerà le sue qualità.

Condividi

Articoli correlati

A Palermo pagato l’approccio sbagliato. Per la Samp stagione comunque positiva

Col senno di poi, siamo tutti Guardiola e potremmo...

La Sampdoria saluta i playoff, 0-2 a Palermo

La Sampdoria esce sconfitta malamente a Palermo e dice...

Samp, credici! Blucerchiati superiori al Palermo

“Cosa andiamo a fare in serie A? Società e...

Tripletta Borini e la Samp passa anche a Catanzaro, ma resta 7°

Una tripletta di Capitan Borini permette alla Sampdoria di...

Samp a Catanzaro a caccia del sesto posto

Andrea Pirlo non è uno sprovveduto e fa benissimo...

Momento d’oro Samp, condizione atletica e infortunio Pedrola uniche macchie

Meglio non svegliare il can che dorme, procedere quatti...