Genoa: chi è Olaza, un’idea per il dopo Laxalt

Condividi

Laxalt lascerà il Genoa a fine stagione e per la sostituzione spunta un suo connazionale: Lucas Olaza attualmente al Talleres.

Per un uruguaiano che va un altro che arriva, è ad una sorta di staffetta tra connazionali che sta pensando il Genoa per coprire la corsia mancina la prossima stagione. Da Laxalt a Olaza, per ora solo una voce di mercato e niente di più ma chissà che in futuro non se ne possa parlare seriamente. Il primo passo da compiere sarebbe infatti quello di cedere l’attuale titolare, che piace al Milan oltre a Torino e Fiorentina, il secondo sarebbe capire se davvero Olaza ha le capacità giuste per essere il nuovo cursore mancino di Ballardini.

Genoa: il profilo di Olaza

La voce di un interessamento del Genoa per Olaza arriva direttamente dal suo agente che ha riferito sul monitoraggio da parte dei rossoblù per il suo assistito. Terzino mancino di nascita e non di trasformazione come Laxalt, Olaza non ha una grande potenza fisica, è alto un metro e 73 centimetri, ma ha gamba e polmoni per correre su e giù per la fascia. Abile più in spinta che in fase difensiva, sa andare al cross con una certa facilità e nell’ultima stagione ha dimostrato con il Talleres, club argentino, di avere anche una certa dimestichezza con il gol, quattro quelli messi a segno in 24 gare. Nato nel River Plate di Monteveideo, Olaza ha vestito la maglia dei brasiliani dell’Atletico Paranaense prima di spiccare il volo verso l’Europa per una fugace apparizione nella seconda squadra del Celta Vigo. Nel 2016 il ritorno in patri al Danubio e infine la tappa al Talleres che ora ha in mano il suo cartellino. Sull’affidabilità del giocatore non ci sono molti dubbi, da quando ha 20 anni Olaza ha giocato più di 20 partite a stagione.

Su Olaza c’è anche il Benfica

Come detto il Genoa non ha confermato l’interessamento per Olaza ma forse lo sta davvero tenendo d’occhio, ma attenzione alla concorrenza che è di quelle importanti. Il Benfica infatti lo avrebbe messo nel mirino per sostituire il partente Grimaldo, obiettivo di alcuni grandi club europei. I portoghesi da anni sfornano grandi terzini, motivo forse in più per credere in questo talento uruguaiano che dopo aver assaggiato il calcio del Vecchio Continente sembra pronto a tornare per essere protagonista, il Genoa gli darà davvero la corsia di sinistra?

Condividi

Articoli correlati

Col Bologna l’efficacissima sintesi di una stagione sopra le righe

Rifulge l'undicesimo posto finale, condito con il record di...

Il Genoa saluta stendendo il Bologna rivelazione 2-0

Il boato dello stadio per Frendrup che al novantesimo...

Genoa e Bologna “derby” tra rivelazioni Gasperiniane

Non sarà una semplice passerella, ma neppure un'asperrima battaglia...

Roma ha confermato che Gila ha ancora qualche difettuccio da limare…nei prossimi due anni!

Innanzitutto, plaudiamo alla firma di Alberto Gilardino in calce...

Genoa a Roma per sfatare una maledizione e per l’ennesima vittoria di prestigio

Sei punti ancora a disposizione, due da recuperare rispetto...