Sampdoria: privarsi di Silvestre è un grosso rischio

614

La rivoluzione della difesa della Sampdoria è alle porte, Silvestre va verso la rescissione ma i blucerchiati stanno rischiando grosso.

Matias Silvestre lascerà la Sampdoria. La notizia circola ormai da giorni ed è di oggi la nuova idea di Ferrero per accelerare l’uscita dell’argentino dalla rosa di Giampaolo: proporre una rescissione del contratto in modo che si liberi subito il posto e soprattutto si abbassi immediatamente il monte. Ovviamente il difensore chiederà una buonuscita, ma le parti, visto anche le tante squadre interessate, quasi tutte di serie A, troveranno un accordo senza troppi problemi.

Sampdoria: sicura di lasciare andare Silvestre?

Lasciare andare Silvestre così a cuor leggero potrebbe però diventare un boomerang per la Sampdoria. L’argentino da due anni a questa parte è una colonna della difesa di Giampaolo, 70 presenze in due stagioni e anche se l’età inizia ad avanzare, a settembre saranno 34 gli anni, ha sempre dimostrato di essere ancora agonisticamente all’altezza della serie A. In più la sua esperienza è stata preziosa per la crescita di Ferrari, anche lui destinato a partire, e quella di Andersen. Insomma una chioccia in campo e fuori e un puntello decisivo per la difesa visto che è ancora tra i migliori marcatori in circolazione.

Sampdoria: Colley per sostituire Silvestre

Adesso che l’addio di Silvestre è vicino bisognerà trovare un sostituto all’altezza e non sarà facile. La Sampdoria ha già scelto Omar Colley, l’accordo con il gigante del Gambia c’è già, quello con il Genk potrebbe arrivare presto visto che il ragazzo va in scadenza nel 2019 e i sette milioni messi sul piatto da Ferrero potrebbero bastare a convincere il club belga. Sul talento di Colley la Sampdoria sembra non avere dubbi visto che è da un anno che cerca di portarlo a Genova, bisognerà però capire se lui e Andersen potranno davvero essere la cerniera giusta per blindare la difesa blucerchiata, l’esperienza di serie A per entrambi è vicina allo zero e questo rappresenta un grosso rischio. Insomma ringiovanire la rosa è sempre un obiettivo meritevole, ma senza qualche senatore il rischio è quello di mandare le promesse del domani allo sbaraglio, e Silvestre sarebbe potuto essere l’uomo perfetto per guidare da dietro la Sampdoria del futuro, almeno per un anno.

Condividi