Sampdoria: da Colley a Praet, le trattative di giornata

624

Giornata con qualche novità sul fronte mercato per la Sampdoria che sembra vicina a Colley. Per Praet c’è anche l’Arsenal.

Venerdì 25 maggio 2018 potrebbe passare agli annali come il giorno in cui la Sampdoria compie il passo decisivo per il difensore del Gambia Omar Colley ma non solo. Dall’Inghilterra arrivano voci insistenti sull’interessamento dell’Arsenal per Praet, ecco il riepilogo delle trattative di giornata.

Sampdoria: contatto con Colley

Ormai è risaputo, la Sampdoria cerca un difensore centrale e ad oggi il nome giusto è quello di Omar Colley. Il difensore del Genk, già ampiamente corteggiato l’estate scorsa, non è mai stato perso di vista dai dirigenti blucerchiati che oggi avrebbero trovato l’accordo con il giocatore. I dettagli non ci sono ancora ma sarebbe davvero un’accelerata nella trattativa. Il Genk continua a sparare alto, circa 12 milioni di euro, ma sa benissimo che il contratto di Colley scade nel 2019 e quindi tra pochi mesi potrebbe essere libero di andarsene a parametro zero. Per questo la Sampdoria è fiduciosa nella possibilità di poter abbassare le richieste dal club belga, fino ad arrivare a circa sei o sette milioni.

Sampdoria: c’è anche l’Arsenal per Praet

Dennis Praet centrocampista della Sampdoria
Dennis Praet centrocampista della Sampdoria

L’altro nome caldo in casa blucerchiata è quello di Dennis Praet. Il belga potrebbe lasciare Genova ancora prima di Torreira, altro giocatore in uscita dalla rosa di Giampaolo. Oltre alla Juventus, che ha offerto al centrocampista un quadriennale che sembra aver fatto breccia, ora è l’Arsenal a puntare forte sul giocatore. Secondo alcune voci i gunners potrebbero anche pagare la clausola rescissoria da 26 milioni, bypassando così la trattativa con la Sampdoria e andando direttamente a trattare con Praet. Il nodo però potrebbe essere proprio la volontà del calciatore che sembra propenso a rimanere in Italia. Nel frattempo radiomercato accosta alla Sampdoria anche alcuni possibili sostituti come Lovro Majer e Bennacer, giovani talenti su cui poter costruire il centrocampo del presente e del futuro.

Condividi