Genoa-Torino: la storia dei 50 precedenti

La storia dei 50 precedenti di Genoa-Torino raccontati da Marco Ferrera, rossoblù in vantaggio con 27 vittorie.

Domenica il Genoa chiude la sua stagione ospitando il Torino in una classica giocata sulle sponde del Bisagno 50 volte, con tradizione favorevole al Grifone, vincente in 27 occasioni, con 15 pareggi ed 8 vittorie granata.

Genoa-Torino: l’ultimo successo granata è storia antica

Pensate che il Toro non vince nella Genova rossoblù dal 13 Settembre 1981 e quel pomeriggio, prima giornata di campionato, fu un acuto di Paolino Pulici, ribattezzato “Puliciclone” dal grande Vladimiro Caminiti, a decidere la sfida a 12’ dal termine per la squadra guidata da Massimo Giacomini mentre Gigi Simoni era il tecnico del Genoa appena ritornato nella massima serie.

Lo scorso maggio la vittoria per 2-1 firmata Rigoni e Simeone, con l’inutile gol finale di Ljajic fu decisiva per ottenere tre punti salvezza di fondamentale importanza,  il 13/3/2016 il Genoa vinse in rimonta, dopo la doppietta in avvio di Ciro Immobile, grazie ai due gol su rigore di Cerci ed alla prodezza di Rigoni.

Genoa-Torino: precedenti a favore dei rossoblù

Nelle ultime tre uscite il Genoa ha sempre vinto, lo fece di goleada anche il 15/5/2015 , la squadra di Gasperini era lanciatissima verso il sesto posto e s’impose per 5-1, estromettendo definitivamente l’undici di Ventura dalla corsa europea: primo tempo con vantaggio siglato da Iago Falque, dopo il pari in avvio di ripresa di El Kaddouri arrivò la “manita” firmata dalle prodezze di Bertolacci, Pavoletti e dalla doppietta di Tino Costa.

L’ultimo pareggio ospite è del 30/11/2013 , match deciso ancora da El Kaddouri che deviò una conclusione di Farnerud e dal pari di Biondini, innescato da una magia di Feftazidis, con Perin strepitoso nel finale su Cerci ed Immobile.

Nel 2008 e nel 2009 arrivarono due convincenti vittorie, entrambe per 3-0, con grandi protagonisti tra i marcatori: nella prima occasione Di Vaio, Borriello e Sculli, l’anno successivo Biava, Jankovic e Thiago Motta.

Condividi