Sampdoria: restano tutti (i dirigenti), l’unico nodo è Giampaolo

Primo incontro tra i dirigenti della Sampdoria a Roma, la sensazione è che Pecini, Osti e Pradè rimarranno in blucerchiato.

Un incontro per darsi la mano e iniziare a progettare il futuro insieme, come una squadra, nonostante i contratti ancora non siano sul tavolo. Il Secolo XIX di oggi racconta i retroscena di una riunione avvenuta ieri a Roma, una seconda ci sarà oggi, in cui il presidente Massimo Ferrero ha incontrato i massimi dirigenti della sua Sampdoria per iniziare a tracciare la rotta futura. C’erano Pradè, Osti e Pecini, i tre pezzi grossi di Corte Lambruschini che, per motivi diversi sono in bilico. I primi due , uomini mercato per eccellenza, hanno il contratto in scadenza, ma ieri hanno iniziato a progettare il futuro della rosa blucerchiata e questo fa pensare che non ci saranno strappi. Stessa cosa si può dire di Pecini, corteggiato da più parti. Anche lui ha intavolato discorsi sul futuro, sui giovani e sulle mosse che verranno. Insomma i segnali sono positivi, la Sampdoria non verrà rivoluzionata.

Sampdoria: ora tocca a Giampaolo

Niente dovrebbe cambiare ai piani alti di Corte Lambruschini e quindi è giusto iniziare a pensare al campo. La posizione di Giampaolo al momento è in bilico, ci sono squadre interessate, il Napoli in primis, ma l’allenatore vuole prima sedersi al tavolo con Ferrero e capire quale sarà la Sampdoria che gli verrebbe data in mano per la prossima stagione. Da quel colloquio dipenderà il futuro della panchina, se ci sarà comunione di intenti si andrà avanti, se non ci saranno le condizioni e qualcuno  si presenterà a Giampaolo con un’offerta impossibile da rifiutare allora sarà addio. Ancora non circolano voci su un possibile sostituto, radiomercato ha rilanciato i nomi di Mihajlovic, probabilmente solo perché un paio di domenica fa si è presentato al Ferraris da spettatore, altri hanno lanciato nella mischia il tecnico dello Shakhtar Fonseca, difficile però pensare che la Sampdoria, forte del legame anche contrattuale con Giampaolo, si sia mossa per un possibile sostituto.

 

Condividi