Le eccellenze della Dama. Iacono: “Allarghiamo la nostra base con le Scuole”

133

All’evento “Giochi e Sport della Mente e di Precisione” con Coni Liguria e Coni Genova sono state tante le discipline che i ragazzi delle scuole superiori hanno avuto modo di conoscere e sperimentare: scacchi, bocce, tiro a segno, tiro con l’arco, giochi ludici e anche la dama. Coi ragazzi come rappresentante della Federazione Italiana Dama c’era l’arbitro federale Stefano Iacono, Delegato Provinciale Genova della FID e arbitro alle Olimpiadi degli Sport della Mente di Pechino 2008.

Quanto è diffusa la vostra attività locale?
Come livello di diffusione a livello provinciale abbiamo un solo circolo, a Rivarolo. A livello regionale ci sono 4 circoli, a La Spezia, Genova e due a Savona, i più sviluppati. Abbiamo un’ottima attività giovanile. A Genova abbiamo 150 bambini tesserati con un’insegnante istruttore a Cogorno, a Savona circa 200 bambini. Un’attività molto sviluppata nelle scuole, campionati provinciali e regionali molto partecipati. Tra due settimane ad esempio ci sarà a Varazze il Torneo del Concentramento Nord Ovest con squadre di Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, le vincenti andranno alla fase Nazionale a Giugno”.

Che tipo di campionati svolgete?
“Ci sono campionati provinciali e regionali di due specialità, la “Dama Italiana” e la “Dama Internazionale”, purtroppo non ci sono molti tornei a livello nazionale”.

Ci sono delle eccellenze nelle vostre discipline?
Abbiamo molte eccellenze, come grandi maestri quali Daniele Bertè di Savona (Consigliere Nazionale e Commissario Tecnico) e Roberto Tovagliaro, ambedue vincenti, mentre il sottoscritto è stato arbitro internazionale alle Olimpiadi di Pechino 2008. Infatti in quell’occasione dopo le Olimpiadi “classiche” e Paralimpiadi ci sono state i Giochi Mondiali della Mente e Riflessione, esperienze che purtroppo non sono state ripetute in seguito. Eventi che andrebbero ripetuti e sviluppati ma qui si entra in discorsi nazionali con il Comitato Olimpico Internazionale. Il nostro obbiettivo in questo senso è essere riconosciuti”.

E’ difficile coinvolgere i ragazzi fuori dalla casa, come riuscite a coinvolgerli?
“Il problema che abbiamo è mantenere i ragazzi nel circuito della dama. Cominciamo con istruttori nelle Scuole Elementari coi bambini delle classi terza e quinta, ma ogni anno un terzo dei ragazzi esce e un terzo entra, ovvero le nuove classi di terza che entrano e le quinte che vanno alle medie. Pochi elementi restano in contatto e tesserati e una volta che finiscono le medie li perdiamo quasi definitivamente perché subentrano altri interessi scolastici e non solo. Da 200 bambini iniziali pochi restano sino ai diciotto anni. Ma tuttavia, proprio puntando su grandi numeri iniziali è più facile trovare dei giovani talenti e coltivarli, sicchè il numero di tesserati cresce”.

Alessandro Vinai

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.