Genoa: l’ultima (grande) occasione di Lapadula

Galabinov starà fuori un mese, ora il Genoa si aggrappa a Lapadula per raggiungere la salvezza, l’attaccante dovrà invertire la rotta.

Il Genoa perde il suo centravanti titolare, non un bomber di razza alla Milito, ma un ragazzo capace di giocare con la squadra, aiutare i compagni in copertura e sfiancare le difese avversarie lottando su ogni pallone. Un tipo da Genoa, Galabinov, che però non potrà aiutare il Grifone per un mese a causa dell’infortunio accusato in Nazionale. Salterà quindi la Spal, il Cagliari e il derby e almeno un altro paio di partite che però potrebbero essere di poca importanza se le prossime due settimane dovessero portare punti in classifica. La salvezza è vicina, ma la lotta, fino a poche settimane fa quasi scontata, è tornata infuocata grazie alle ottime prestazioni della Spal, i punti accumulati dal Verona e le continue frenata di Crotone, Sassuolo e Cagliari. Il Genoa è ancora fuori dalla lotta ma per chiudere il discorso in maniera definitiva deve vincere i due scontri diretti in arrivo in casa.

Per farlo dovrà  continuare sulla strada intrapresa con Ballardini aggiungendo però qualche colpo da ko in più attacco. Servono i gol, servono soluzioni offensive e ora che Galabinov è out toccherà a Lapadula. Inutile dire che fino ad oggi la sua stagione è stata di basso livello, poche zampate e troppi errori che hanno fatto seguito all’infortunio patito la scorsa estate che gli ha fatto saltare tutta la preparazione. Ora tutto questo va dimenticato e allontanato, Lapadula è l’unica prima punta di ruolo e quindi giocherà al posto di Galabinov. Al suo fianco si alterneranno o forse giocheranno insieme Pandev e Taarabt, due che invece il loro dovere quest’anno lo hanno sempre fatto. Un po’ come dire, adesso è tutto nelle mani di Lapadula.

Condividi