“Foot and golf Day”: a Rapallo in buca per beneficenza

83

Solidarietà, organizzazione e sana competitività.

Sono stati gli ingredienti del Trofeo “Foot and golf Day” che si è svolto nel tempio del golf ligure: l’affascinante parco del “Golf e Tennis Club” di Rapallo. Per la prima volta in Italia golfisti e footgolfisti, arrivati da tutta la Liguria e dalle regioni limitrofe, si sono dati battaglia sulle 9 e 18 buche a scopo benefico. Per regalare un sorriso ai bimbi più sfortunati. L’intero incasso della giornata, lotteria compresa, è stato devoluto alla “Casa Arcobaleno”. Più di 1500 euro che troveranno sicuramente una destinazione utilissima a fin di bene.

Per l’intera giornata l’austero ma bellissimo campo da golf si è vestito a festa con gli sgargianti ed eleganti colori del footgolfisti di numerosi team liguri, piemontesi, lombardi ed emiliani. Ed è stato proprio il presidente del Golf Club ruentino, Attilio Riola, a sottolineare l’interesse suo e di tutti i suoi collaboratori, verso la disciplina del footgolf che annovera sempre più adepti e raccoglie adesioni da parte dei suoi colleghi che, un tempo, erano tradizionalmente indirizzati a conservare i campi da golf ad uso esclusivo del golf.

< E’ stata una esperienza affascinante vedere una accoppiata di due sport molto diversi come estrazione ma vicinissimi come finalità. Che è quella di centrare la buca con la pallina o pallone – ha affermato il presidente -. Una giornata così sarà senz’altro da ripetere ed i footogolfisti sono e saranno sempre i benvenuti per regalarci altre giornate di competizione, lealtà e agonismo>.

Due i “Deus ex machina” della manifestazione:  il presidente di Genova Foottgolf Paolo Covotta e Andrea Baghino, dirigente del “Cus Genova Golf Accademy”. Entrambi hanno lavorato sodo, nell’ultimo mese, per approntare, in ogni particolare, una macchina organizzativa di complessa ma di prim’ordine. <Portare qui quasi quaranta golfisti in un giorno feriale non è stato semplice – ha ammesso Baghino -. Ma la natura benefica del torneo ha fatto miracoli. Così come non si sono tirati indietro i numerosi sponsor che hanno collaborato con decine di premi. Stiamo già studiano una seconda edizione che supererà la prima in qualità e quantità>. Stessa soddisfazione nelle parole di Paolo Covotta: <Sono queste le manifestazione che consacrano il Footgolf come disciplina emergente. Grazie ai tanti colleghi che hanno sacrificato una giornata di ferie per rispondere al nostro invito e per aver dato lustro e qualità a questo appuntamento benefico, Davvero non mi aspettavo una così numerosa partecipazione>.

Impeccabile regista della giornata il direttore del Golf Club Fabrizio Pagliettini. <In una giornata così fredda (la temperatura, nonostante il bel sole, è rimasta sempre di poco sopra lo zero n.d.r.) ci ha riscaldato l’entusiasmo di tutti i partecipanti e la certezza che il nostro impianto troverà nuove ed interessanti applicazioni sportive in un imminente futuro).

Nel “parterre de rois” anche la presidente del Lions Virginia Viola Alessandria Host, officer distrettuale del Golf, Luciano Piovano del Lions, Dario Ferrari, presidente della Lega Nazionale Footgolf (che ha partecipato al Trofeo) Canepa Vittorio, Vice presidente della Federazione Footgolf e Matteo Barba (giocatore e dirigente del Genova Footgolf) e Nicolò Rossetti che si è abilmente occupato di tutta la parte social e web dell’evento.

Alla segreteria, sapiente il lavoro di Vania (segretaria del Cus Genova Accademy) e Flavio Bruna (giocatore e dirigente di Genova Footgolf) che hanno curato l’accoglienza, le iscrizioni, gli abbinamenti, le classifiche della competizione e infine la lotteria benefica.

La competizione per quanto riguarda il footgolf è stata vinta da Luca Taliercio (Bitta Footgolf), alle sue spalle Lo Presti, terzo David Illuminati (Genova Footgolf). Tra i golfisti primo Zanco, secondo Mannone, terzo Colangelo. Ad aggiudicarsi il trofeo è stata l’accoppiata golf – footgolf composta da Zanco – Lopresti.

Ma a Rapallo, l’altra sera con la neve che faceva capolino tra le nubi e scendeva sul green verde smeraldo, ad aver vinto sono stati tutti. Organizzatori, giocatori, dirigenti ma soprattutto la solidarietà. Quella con la S maiuscola.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.