Scatta la Coppa Italia, Rapallo nel gruppo A

39

Tre, le sedi di gara: Bogliasco, Padova e Messina. Alla Vassallo di Bogliasco si sfideranno, oltre alle biancazzurre padrone di casa, il NC Milano e il Rapallo Pallanuoto, galvanizzato dal terzo posto alla final eight di FinCup e pronto a riprendere il cammino dopo il turno di riposo in campionato.

Le gialloblu scenderanno in campo sabato 25 novembre alle ore 20 (avversario il Bogliasco Bene) e domenica 26 alle 13 contro il Milano.

La squadra è al lavoro con la rosa al completo da ieri sera per preparare sia le sfide di Coppa, sia l’importante match del turno infrasettimanale di campionato che mercoledì 29 novembre alle 14 vedrà il Rapallo ospitare al Poggiolino il Cosenza Pallanuoto. «Ho a disposizione tutte le giocatrici solo da ieri perché ben sei di loro sono state impegnate con le rispettive Nazionali: Lavi, Gragnolati, Avegno e Cuzzupè al collegiale del Setterosa ad Ostia, Genee e Van der Graaf con la Nazionale olandese – spiega il tecnico Luca Antonucci – Il tempo per lavorare tutti assieme sui due appuntamenti ravvicinati, Coppa e campionato, non è moltissimo. D’altro canto sono orgoglioso del fatto che sei delle nostre atlete siano nel giro delle Nazionali assolute, il che attesta ulteriormente le qualità di questo gruppo».

Per Antonucci, le prossime sfide rappresentano già un crocevia per la stagione del Rapallo. «Passare il turno in Coppa Italia e accedere alla seconda fase è importante, ma non sarà semplice perché Bogliasco e Milano hanno già dimostrato di avere le caratteristiche per metterci in difficoltà – sottolinea – Ci vorranno concentrazione dall’inizio e grande voglia di riscatto per vincere. Quella con il Cosenza di mercoledì è invece a mio avviso già una partita cruciale in chiave salvezza. Dopo aver vinto gli “scontri diretti” con Messina e Florentia, mettere in cassaforte i tre punti contro la formazione calabrese equivarrebbe a fare un bel passo avanti per allontanarci il più possibile dalla zona playout ed affrontare con maggiore serenità il proseguo della stagione».

Condividi
Nato a Genova nel 1985, appassionato di sport da sempre. Scrivo soprattutto di tiro con l'arco, grazie alla collaborazione con la Fitarco, e di pallanuoto nella sezione web dedicata de Il Secolo XIX. Negli scorsi anni sono stato uno degli speaker "sportivi" di Radio 19.