Giulio Gallazzi si prende il Genoa, ecco le priorità del suo progetto

Giulio Gallazzi, la sua Sri Group, e un piccolo manipolo di investitori, sono pronti a prendersi il Genoa. Ecco qual è il progetto per il nuovo Grifone.


La prossima settimana dovrebbe essere quella giusta per il passaggio di mano del Genoa da Enrico Preziosi a Giulio Galazzi, rappresentante della Sri Group e capofila di un manipolo di imprenditori italiani e stranieri che acquisteranno la società investendo circa 120 milioni di euro.

Il progetto di Gallazzi per il nuovo Genoa

Difficile che la trattativa possa chiudersi entro la fine di questa settimana, tanti sono i documenti da guardare, altrettante le idee da far diventare realtà il progetto del nuovo Genoa.  Ma cosa bolle in pentola? Ora che Gallazzi è vicinissimo al Grifone che cosa ne farà? Il suo progetto partirà dal risanamento del club con il pagamento di tutti i debiti per poter riportare il bilancio in parità dando così stabilità alla società di Villa Rostan.

Una volta concluso il primo passaggio si penserà al futuro. Gli investimenti dovrebbero riguardare un nuovo centro sportivo, magari in quell’area di Cogoleto a cui già Preziosi aveva pensato di costruire il quartier generale rossoblù negli anni passati, ma il posto potrebbe anche essere diverso. E poi investimenti sullo stadio per renderlo più fruibile al pubblico e non solo, qui entrerà in gioco anche la Sampdoria e Ferrero potrebbe essere una sponda importante visto che da tempo vorrebbe rendere il Ferraris più moderno. Un nuovo centro sportivo, investimenti sullo stadio e rilancio del brand anche all’estero per avere più mercato da sfruttare, e la squadra? Al momento la sensazione è che i programmi sportivi non cambieranno, l’obiettivo rimane quello di mantenere il Genoa in serie A evitando stagione complicate come quella passata, anzi restando al centro della classifica per provare a spiccare il volo. Il progetto di Gallazzi per il Genoa è pronto, la prossima settimana arriverà il passaggio di mano e l’inizio della nuova era.

Condividi