Pellegri e Salcedo all’Inter: Genoa, era impossibile dire di no

Pietro Pellegri e Eddy Salcedo vengono ceduti dal Genoa all’Inter per una cifra che può arrivare a toccare i 60 milioni di euro.

Trentuno anni in due e un valore di mercato che può arrivare a toccare i 60 milioni quando entrambi non avranno neanche ancora l’età per la patente. Il calcio di oggi è folle, ha un mercato sregolato e fa girare cifre che sono quasi uno sputo in faccia alla realtà, ma di questo tutti parlano ogni giorno. Tutti raccontano quanto sia sbagliato il sistema e quanto sia impossibile continuare così, poi però arriva il calciomercato e i discorsi vengono riposti nel cassetto.

Genoa: impossibile dire di no per Salcedo e Pellegri

La riprova è arrivata in queste ore con l’Inter che pagherà al Genoa per Pietro Pellegri e Eddy Anthony Salcedo Mora 20 milioni subito che potrebbero diventare addirittura 60 in base a bonus legati alle presenze in serie A. Entrambi attaccanti, il primo (pagato 15 milioni subito e 15 nel 2019) sembra essere il ragazzo prodigio del calcio italiano anche se ha solo tre apparizione in prima squadra condite dal gol alla Roma nel giorno dell’addio di Totti. Salcedo è un esterno d’attacco che la serie A ancora non l’ha assaggiata ma che all’Inter costerà 5 milioni subito e 20 come bonus.

Detto che le cifre sono mostruose e che se i cartellini sono costati così tanto non vogliamo sapere gli agenti cosa riusciranno a strappare per gli ingaggi, è il momento di concentrarci su cosa significa questa operazione per il Genoa. Cedere i giovani è sempre un brutto segnale, la gente etichetta queste mosse come mancanza di progetti futuri, come poca voglia di investire sui talenti del domani e via discorrendo. Oggi però ad essere sinceri il Genoa non può recriminarsi nulla, oggi il Grifone può incassare per due ragazzi di 16 e 15 anni con in totale 3 presenze e 1 gol in serie A 20 milioni di euro, quanto Preziosi conta di inserire nelle casse di Villa Rostan per Giovanni Simeone (12 gol in serie A, un campionato da titolare, convocato in tutte le Nazionali giovani argentine e così via…). Non solo ma si terrà i due futuri campioni fino al 2019 e dopo averli fatti crescere potrà incassare fino a 40 milioni in più per le future presenze in serie A. Già detto della follia del calcio, altrettanto folle sarebbe stato dire di no ad un’offerta di questo genere.

Condividi