Genoa: no al riscatto di Ntcham, il “fratellino” di Pogba ha fallito

2157

Il Genoa molto probabilmente non riscatterà Ntcham dal Manchester City, l’avventura del “fratello” di Pogba a Genova è quasi finita.

Sta scadendo il termine ultimo per riscattare Olivier Ntcham e il Genoa molto probabilmente non spenderà 3 milioni per il cartellino del giocatore che quindi tornerà in Inghilterra. Il francese non ha convinto del tutto, ha buoni colpi e li ha mostrati ma troppo spesso si è mostrato immaturo per far esplodere tutto il suo talento.

Due anni fa era arrivato al Pio, in prestito biennale, come un campioncino in erba spinto dal suo allenatore dell’epoca Patrick Viera. L’ex colonna della Francia campione del Mondo e d’Europa lo aveva allevato nelle giovanili del Manchester City spendendo per lui ottime parole. La presentazione di Ntcham ai tifosi rossoblù è datata agosto 2015 in amichevole contro l’Herta Berlino: il ragazzo gioca una ventina di minuti, offre buone sensazione e colpisce una traversa clamorosa da 30 metri.

Genoa-Ntcham: la favola del fratellino di Pogba è finita

Un bel biglietto da vista per il “fratellino” di Pogba, simile a lui in campo per posizione e fisico e nato nel Le Havre, l’Academy che ha sfornato proprio il campione ora al Manchester United. Il problema è stato il dopo: con Gasperini il feeling non nasce, Ntcham gioca poco ma si può riscattare con l’arrivo di Juric. Il croato lo vede numero 10 perfetto per il suo Grifone alle spalle di Pavoletti con due esterni larghi. Sembra il momento della riscossa, invece, il francese si perde in campo e fuori e allora diventa Rigoni l’uomo di equilibrio tra attacco e centrocampo dei rossoblù. Ora che la sua storia al Genoa è quasi finita i tifosi lo possono ringraziare per il fondamentale gol all’Empoli che è valso un bel pezzo di salvezza, un “colpo” che non cancella il grave errore che ha regalato il derby di ritorno alla Sampdoria. Due episodi che fotografano perfettamente l’esperienza di Ntcham al Genoa.

Condividi