Cori razzisti in Sampdoria-Napoli, la dura replica della Federclubs

Condividi

La Federclubs risponde a chi accusa la tifoseria di razzismo dopo Sampdoria-Napoli. Per i blucerchiati multa di 15mila euro.

Il comunicato della Federclubs

Non saremmo voluti entrare nel tritacarne mediatico – prontissimo ad essere messo in moto per queste occasioni – ma certe speculazioni sulla tifoseria Blucerchiata, a livello nazionale, non possono essere da noi tollerate. Non solo a tutela dei nostri colori e del nostro movimento, ma anche nel rispetto dei tanti tifosi Sampdoriani in Campania, alcuni dei quali hanno dato vita al Club 081 con sede a Napoli.

Al Sig. Insigne, che nell’intervallo tra primo e secondo tempo sottolineava con grandissima umiltà che insultando lui insultiamo un’intera città, vorremmo ricordare che Reina è stato preso di mira dai fischi di tutto lo stadio per la simulazione – grande gesto di sportività e lealtà – che portò al l’espulsione del nostro Silvestre nella gara di andata al San Paolo. Sicuramente un episodio che il buon Insigne non ricordava; i Sampdoriani presenti allo stadio lo ricordavano molto, molto bene. Lo stesso Insigne, paladino della propria città, dopo la marcatura del 2-0 ha esultato con la mano all’orecchio sotto la gradinata Sud. Un gesto di altissima levatura morale in difesa del proprio compagno Reina, che doveva essere da noi accolto con gli applausi di tutto lo stadio (dopo che la settimana precedente Muriel è stato espulso e aggredito per qualcosa di molto simile). Chiediamo scusa fin da ora se la reazione è stata differente.

A Maurizio Sarri, che nel post partita ha sottolineato che quanto succede a Genova accade nell’85% degli stadi italiani, consigliamo un po’ di autocritica; non sarà forse questa una conseguenza del comportamento dei loro sostenitori? Sarebbe stato per lui sufficiente voltarsi verso la tribuna, per vedere, in mezzo alle famiglie di tifosi Sampdoriani presenti in uno dei settori notoriamente meno caldi, alcuni sostenitori napoletani provocare, gesticolare, insultare. Le reazioni, civili ma decise, dei Blucerchiati sono stata prova della nostra maturità di fronte ad uno spettacolo patetico.

Infine, ed è questo il motivo principale per cui scriviamo, è sceso in campo anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, definendo squallido quanto avvenuto al Ferraris, in contrapposizione con la squadra azzurra definita “esempio di sportività ed etica”. Caro De Magistris: simulazioni, provocazioni ad una gradinata, sceneggiate da vittime sicuramente sono i tuoi esempi di sportività ed etica, certamente non i nostri. Ciò che per voi sono razzismo e squallore, nel resto d’Italia sono sfottò e rivalità.

Sciacquatevi la bocca prima di parlare della tifoseria Blucerchiata.

Federclubs

Multa di 15 mila euro alla Sampdoria

Il giudice sportivo ha inflitto 15mila euro di ammenda alla Sampdoria ”per avere la maggioranza dei suoi sostenitori, assiepati nelle gradinate, nel corso della gara, più volte intonato cori insultanti di matrice territoriale nei confronti dei sostenitori della Soc. Napoli”.

Condividi

Articoli correlati

Col Brescia Samp più sprecona che sfortunata

Il rammarico sale sino a vette siderali, e non...

La Samp domina col Brescia ma si fa raggiungere in zona Cesarini: 1-1

È il minuto 94, quarto dei sei minuti di...

Samp e Brescia si sfidano per uscire dal limbo tra playoff e playout

Da uno spareggio all'altro, da un infortunio all'altro, da...

Ancora in inferiorità numerica, ancora sconfitta: la Samp perde a Pisa

La Sampdoria esce sconfitta dall’Arena Garibaldi (0-2) contro una...

Samp a Pisa tra Playoff, Playout e dimissioni di Lanna

Tutto si può affermare meno che la Samp stia...

Samp double face col Modena, cala nella ripresa e finisce 2-2

Si deve accontentare della divisione della posta la Sampdoria...