36a Palermo-Genoa 1-0: il Grifone ha di nuovo paura

773

Pesante sconfitta del Genoa a Palermo per 1-0. Lamanna sbaglia e il Grifone sprofonda, ora la retrocessione è a soli due punti di distanza.

Juric cambia il Genoa. Dentro il doppio centravanti Pinilla-Pandev e niente tridente. Così finiscono in panchina sia l’acciaccato Simeone che Palladino, una mossa che non sortirà alcun effetto. Gli altri cambi rispetto alla vittoria con l’Inter sono quelli preventivati alla vigilia con Biraschi, Munoz e Gentiletti in difesa a supplire alla assenze per squalifica di Izzo e Burdisso e a centrocampo il rientrante Laxalt a sinistra.

Palermo-Genoa 1-0: il primo tempo

L’atmosfera al Barbera è desolante, il pubblico è ridotto ai minimi termini, pochissimi i tifosi rosanero (qualche centinaio) mentre è buona la colorazione rossoblu del settore ospiti occupato da più di quattrocento supporters.

La sfida in campo, tra caldo e pochissima tecnica, è altrettanto brutta. L’unica scossa al 12’ con una serie infinita di errori e il vantaggio rosanero propiziato dal colpo di testa di Rispoli che costringe Lamanna ad indietreggiare fino a terminare la sua corsa con il pallone dopo la linea. La goal line segnala che la palla entra e fa piombare nel panico un Grifone che cinque minuti dopo viene anche avvertito del vantaggio del Crotone sull’Udinese.

Palermo-Genoa 1-0: il secondo tempo

Juric nella ripresa prova a cambiare tornando all’antico, cioè al tridente, con Palladino e Simeone in campo e Pandev che si sposta sull’esterno. Al 72’ entra anche Ninkovic ma le occasioni sono poche e la più nitida capita al Palermo con Nestorovski che da zero metri non insacca il raddoppio. Juric è una furia e al 79’ viene allontanato per le proteste dopo un contatto tra un difensore e Pandev in aerea. “La partita della vita” finisce con una sconfitta e il Crotone piomba a meno due dal Genoa che con il Torino domenica prossima dovrò fare almeno un punto per non doversi giocare il tutto e per tutto a Roma nel giorno della fine della carriera di Totti.

 

Condividi
Avatar
Nato a Genova nel 1985, appassionato di sport da sempre. Scrivo soprattutto di tiro con l'arco, grazie alla collaborazione con la Fitarco, e di pallanuoto nella sezione web dedicata de Il Secolo XIX. Negli scorsi anni sono stato uno degli speaker "sportivi" di Radio 19.