L’importanza delle statistiche

759

Il nostro campionato, letto attraverso le statistiche, diventa qualcosa di molto diverso da quello che siamo abituati a vivere ad ogni appuntamento calcistico.
Ci si lamenta spesso che le squadre “si accontentano ” ma i dati dicono che, nell ultimo Campionato di serie A si vince o si perde dal momento che i pareggi sono solo il 20% nelle partite giocate, dato più basso dal lontano 1983
Nel 1978 ,quando il Milan vinse lo scudetto, arrivò secondo il Perugia guidato da Ilario Castagner che aveva pareggiato 19 volte su 30 partite….in media con il 45% di pareggi registrati nel campionato
Altro tipo di gioco,certo, ma oggi si gioca molto di più di un tempo, perché mirano al pareggio solo le squadre che tentano di mantenersi a galla mentre il resto della serie A gioca più aperta e quindi fa più spettacolo…o almeno dovrebbe
L ultimo dato statistico ci pone al primo posto in Europa per le partite vinte o perse, si direbbe,quindi, che da noi si gioca solo per vincere…e dall altra parte perdere.
In Spagna i pareggi sono i più alti con il 27%, in Germania e Francia il 26% ed in Inghilterra il 22%
Gli esperti dicono che questo cambiamento radicale, senza dubbio in meglio per lo spettacolo, sia dipeso dall introduzione dei 3 punti per la vittoria
Quando erano in palio i due punti si vedevano partite che ,praticamente, finivano ad una ventina di minuti dalla fine…calava il ritmo, si giocava trasversalmente perché,in definitiva, un punto era meglio di niente!
Proprio la conquista dei tre punti spinge le squadre di bassa classifica a cercare di conquistarli anche contro le squadre titolate…o tutto o niente impegnandosi al massimo perché costituiscono un importante alto in avanti ,cosa che il pasteggio non potrebbe garantire.
Va anche notato che chi va male con i tre punti in palio finisce con il risultare staccato in maniera notevole dalla possibilità di rimonta….a conferma che un campionato a 20 squadre risulta troppo sbilanciato con condanne pronunciate con molto anticipo rispetto alla conclusione del torneo.

Condividi