19a GENOA – ROMA 0-1: L’errore di Izzo condanna il Genoa

1029

Il Genoa esce sconfitto contro la Roma ma a testa alta. A questa squadra manca un centrocampista che detta i tempi la società dovrà mettersi al lavoro per trovare il giusto sostituto a Rincon. Per quanto riguarda Pinilla è emntrato molto giocando un buon quarto d’ora in coppia con Simeone. Sicuramente Juric non potrà essere arrabbiato con i suoi. 

Partita come da attese che parte subito forte con il Genoa che dopo 46 secondi si rende subito pericolso con Laxalt. Il Grifone con Ninkovic riprate subito veloce con un bel cambio di gioco vede l’inserimento dell’uruguaiano che con destro a giro mette in difficoltà l’estremo difensore giallorsso.
Sul ribaltamento di fronte è la Roma che va vicinissima al gol grazie al colpo di testa di Dzeko servito da Naingolan, ma Perin si supera e salva la porta del Genoa. Ma il portiere rossoblù rimane a terra dolorante al ginocchio sinistro, dopo qualche minuto di attesa decide di rimanere in campo, ma durerà poco. Infatti all’ottavo deve alzare bandiera bianca e lasciare il posto a Lamanna.
La partita in campo è davvero gradevole con tante azioni da una parte all’altra dando la senszione che si possa sbloccare da un momento all’altro. L’occasione giusta arriva sui piedi di Naingolan che a tu per tu con Lamanna spara alto.
Il Genoa prende campo durante la fase centrale del match andando più volte alla conclusione ma sono troppo deboli e non impensieriscono Szczesny.
La squadra di Spalletti prende campo e aumenta i giri e la paricolosità davanti alla porta di Lamanna.
L’ex Perotti potrebbe portare in vantaggio ma a due passi dalla porta decide servire Dzeko ma Izzo capisce tutto e mette in angolo.
IL Grifone riparte molto bene in contropiede. Lazovic al 35′ salta due uomini, ma al momento di calciare decide di servire Simeone ma l’argentino è in fuorigioco e il Genoa butta al vento una bella occasione.
Ma al 36′ arriva il vantaggio della Roma. Bruno Peres calcia in porta il tiro era destinato fuori ma Izzo involontariamente se la mette in porta.
Il Genoa non si ferma e ricomincia subito a giocare e va vicino al gol del pareggio con Ninkovic che su punizione constringe Szczesny a compiere un vero miracolo per salvare la sua porta.
Non accade più nulla e il primo tempo vede la Roma in vantaggio.
Il secondo tempo si apre senza sostituzioni e su ritmi altissimi come si era chiuso il primo.
IL Genoa si rende subito pericoloso la prima occasione è di Lazovic che con il suo sinitro a giro fa correre un brivido all’estremo difensore giallorosso.
Poi al 3′ minuto nè Laxalt nè Simeone non ne approfittano di un incertezza della difesa della Roma lasciando rimbalzare più volte il pallone a meno di due metri dalla porta.
Ma la Roma va ad un passo dal secondo gol con Dzeko, forse il migliore in campo, serviuto da Bruno Peres colpisce il palo tenendo ancora in gara il Genoa.
Juric capisce che manca qualcosa in mezzo al campo vedendo anche che la Roma prende sempre più campo grazie anche alla maggiore fisicità dei suoi centrocampisti, e decide di gettare nall mischia Edenilson al posto Ninkovic, il più pimpante del Grifone.
Ma la gara non cambia anzi il Genoa inizia a commettere moltissimi erorri in fase di impostazione con Cofie che sembra empre più in difficioltà e l’assenza di Rincon si sente sia sotto il punto di vista del gioco che del carattere.
I tanti cross effettuati dalle ali fanno capire a Juric che il momento di Pinilla è arrivato e la nord lo accoglie con un grande boato.
Con l’ingresso in campo di Pinilla il Genoa si rende molto più pericoloso e la difesa della Roma va in diffcioltà, commettendo una serie di falli sui quali Rizzoli sorvola facendo arrabbiare Juric e non poco.
Ma il Grifone non sfrutta a dovere i tiri da fermo su un calcio d’angolo Izzo a porta vuot non trova il pallone, mentre Edenilson manda tra le braccia del portiere una punizione da buona posizione.
Ma il Grifone negli ultimi prende corggio e emette alle corde la Roma, con Spalletti che corre al riparo inserendo Manolas per tenere il vantaggio.
La palla del pareggio arriva al 46′ con O campos che si gira e calcia al volo al limite dell’area ma Szczesny si supera e vola all’incorcio mettendop in angolo.
La partita si chiude dopo tre minuti con il Genoa sconfitto ma a testa alta.

Condividi