16a SAMPDORIA-LAZIO 1-2 Schick suona la sveglia tardi, gli highlights

757

Brutto stop casalingo per la Sampdoria. A Marassi, segnando sempre su assist di Felipe Anderson negli ultimi 5 minuti del primo tempo, Milinkovic-Savic e Parolo lanciano la Lazio che interrompe la striscia di quattro vittorie consecutive.


Troppo forte la voglia di riscatto della Lazio dopo l’infelice derby, troppo sterile la manovra degli uomini di Giampaolo che devono accontentarsi del gol della bandiera segnato da Schick con una splendida conclusione dalla distanza a un minuto dalla fine.

Samp-Lazio 1-2: Anderson domina il primo tempo

[mom_video type=”youtube” id=”oquMSnVgvBQ”]

Inzaghi non rischia Keita: nel tridente, assieme a Felipe Anderson e Immobile, parte Lulic. Ritorna De Vrij in difesa dove Wallace dovrebbe è preferito a Hoedt. Per Giampaolo, l’unica novità rispetto alla vittoria contro il Torino riguarda il centrocampo: c’è l’impiego di Linetty al posto di Praet. Davanti conferma per Bruno Fernandes a supporto di Quagliarella e Muriel.

Fraseggio e pressing. La Lazio cerca subito di ritrovarsi dopo la sconfitta nel derby, Inzaghi vuole imporre il proprio gioco. Al 4’ e all’8’, dalla distanza, le conclusioni di Anderson e Basta trovano pronto Puggioni. Subito dopo, è Linetty a chiamare in causa Marchetti. Con il passare dei minuti, la Samp prende le misure agli avversari. Sulla sinistra, però, Regini continua a soffrire i movimenti di Anderson ma sempre attento è il portiere blucerchiato sui suoi cross. Al 20’  ancora Marchetti bravo sulla botta dalla distanza di Bruno Fernandes. Ci vuole, invece, tutto il corpo di Skriniar per fermare al 28’ la girata di Immobile. Nell’ultimo quarto d’ora, la Samp sparisce dal campo, Felipe Anderson prende per mano la sua Lazio. Al 40’, su un suo traversone, Milinkovic-Savic a sbloccare la partita svettando alle spalle di Silvestre. Poco dopo Immobile potrebbe bissare ma sul suo potente tiro ci sono i guantoni di Puggioni. Il 2-0 è questione di altri 2 minuti: ancora Felipe Anderson dalla destra, decisiva la deviazione di Parolo.  Punizione forse troppo severa ma in buona parte meritata. Questa Samp è la lontana parente di quella che brillantemente aveva messo sotto a Marassi, in successione, Genoa, Inter, Sassuolo e Torino.

Samp-Lazio 1-2: Schick non basta ai blucerchiati

Nella ripresa lo spartito non cambia con gli ingressi di Praet, Schick e Djuricic. E’ la Lazio ad andare a vicino alla terza in due occasioni con Immobile: nel primo caso è bravo Puggioni a respingere, nel secondo, su ottimo suggerimento di Keita, il diagonale dell’attaccante della Lazio, si spegne di poco a lato. Per la Samp, al 27’, la punizione di Quagliarella viene respinta con mille difficoltà da Strakosha. Torreira da lontano (36’) e Quagliarella in diagonale (37’) sono troppo timidi. Chi ci crede realmente sino alla fine è Schick: al 44’, con un gran tiro dai 25 metri, incastra il pallone nell’angolino alla sinistra di Strakosha. Troppo tardi, la Lazio gestisce bene gli ultimi 5 minuti e vola così a un punto dal secondo posto occupato da Roma e Milan.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.