Cuore al di là dell’ostacolo, Lavagnese batte Fezzanese in rimonta

Pronti via e la Fezzanese si fa subito sentire con Lamioni che si libera della marcatura bianconera e dai 25 metri lascia partire un tiro insidioso verso l’angolo basso che Gavellotti riesce a deviare in corner, peraltro l’unico calciato dalla squadra spezzina in tutta la gara. 

Al 3′ minuto Bertagna deve lasciare il capo dopo essere rimasto con i tacchetti incastrati sul manto erboso, un brutto infortunio che lascia così spazio a Faye.

Al 15′ Currarino impegna Otranto con un buon tiro ma centrale, sul capovolgimento di fronte la difesa bianconera pasticcia e Cragno è bravo ad insaccare la rete del vantaggio.

Anche Tognoni prova ad impegnare Otranto con un buon tiro che il numero uno spezzino blocca in due tempi al 18′, tre minuti più tardi uno-due Currarino-Croci che porta quest’ultimo a colpire di testa sulla traversa.

Al 31′ ghiotta occasione per Currarino che calcia a botta sicura ma Viscardi è onnipresente e respinge in corner, un minuto più tardi Crgno viene liberato da Baudi, ma il suo tiro viene respinto prima da Gavellotti e poi dalla difesa bianconera.

La gara si fa sempre più vivace con continui botta e risposta ma la Lavagnese non riesce a centrare la porta e quando lo fa Otranto Godano sembra insuperabile, al 37′ infatti Currarino sguscia sulla fascia, crossa per Croci che incorna ma il numero uno spezzino devia in tuffo in corner.

Prima della fine del primo tempo rete annullata a Viscardi per fuorigioco di Grasselli.

La ripresa si apre con gli ingressi di Di Pietro su Cirrincione da una parte e di Neri su Ferri dall’altra.

La Lavagnese preme sull’acceleratore, un po di nervosismo inizia a farsi largo tanto che ne fanno le spese Cragno e Fonjock per alcuni interventi troppo maschi.

Al 66′ la svolta, Ghiglia rileva Tognoni che ha dato davvero tutto e prima Vittiglio di testa trova ancora sulla linea Viscardi e poi Currarino, servito da Croci, insacca il gol del meritato pareggio.

La Lavagnese ci crede e, complice una miglior condizione atletica, porta al tiro anche Labate che al 78′ lascia partire un tiro preciso ma centrale.

Un minuto più tardi Lamioni libera Baudi in area ma il tiro del numero dieci nero-verde viene respinto dal gladiatore Guarco.

All’82’ Rolando rileva Fonjock e due minuti più tardi Croci riceve palla in area e girato di spalle si esibisce in una semi-rovesciata che centra l’angolino basso alla sinistra di Otranto, un eurogol giusta ricompensa per i ragazzi di mister Tabbiani.

All’85’ mister Plicanti prova la carta Veratti al posto di Frateschi ma la sola occasione concessa agli spezzini da Avellino e compagni è una punizione da 35 metri che Baudi all’89’ calcia abbondantemente sopra la traversa. Un altra gara in rimonta che ha evidenziato l’ottima condizione atletica dei ragazzi di Tabbiani e la strepitosa tenacia nel non mollare mai, qualità imprescindibili per affrontare con la giusta determinazione già domenica prossima il Sestri Levante al Riboli di Lavagna.

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.