Il roccioso Genoa di Juric deve ritrovare la via del gol

Pierluigi Gambino analizza la situazione in casa Genoa. La difesa regala sicurezza, ora Juric deve rendere più prolifico l’attacco.

In teoria, la sosta del campionato va benedetta dal clan genoano, ma l’ennesima partenza per la patria di Rincon e Laxalt, titolari insostituibili, rischia di acuire un problema non irrilevante. I due sudamericani sono stanchi, stanno pagando mesi di iperattività ed avrebbero bisogno di tirare il fiato, ma come può Juric rinunciare a loro a cuor leggero? Chiunque li sostituisca, difficilmente riuscirebbe a non farli rimpiangere.

Genoa: senza il vero Pavoletti non si segna

Pavoletti durante Genoa-Fiorentina
Pavoletti durante Genoa-Fiorentina

Se non altro, si spera che il nuovo tuffo di Pavoletti nel magico mondo della Nazionale lo aiuti a ricaricare le pile. La lunga sosta dovuta ad infortunio non poteva essere smaltita in un attimo, ma il Grifo ha assoluta necessità di ritrovare a pieno regime il proprio terminale offensivo. Non è un caso che da lui sia decollata l’azione che domenica scorsa ha condotto i rossoblù al pareggio: il suo apporto nel tener palla e favorire le avanzate dei compagni è quasi sempre determinante.

In attesa che il livornese reindossi i panni del bomber, l’allenatore non può che affidarsi ai due giovani più talentuosi del lotto: Ninkovic e Ocampos. I due hanno autografato le ultime segnature genoane, pesantissime a livello di risultati, ma il tecnico, in futuro, chiederà loro non solo di buttare qualche altro pallone nel sacco, ma soprattutto di conferire alla trama genoana, piuttosto macchinosa e monocorde, una dose corposa di estro, fantasia e imprevedibilità.

Ribadiamolo, la fase difensiva non preoccupa affatto. Gli errori di Bergamo sono stati subito metabolizzati e il gol concesso all’Udinese – pur evitabile con un briciolo di attenzione e prontezza in più – va accolto come un semplice infortunio sul lavoro. Burdisso e Izzo non si possono discutere e se Orban giocherà sempre come domenica scorsa, un problemone sarà risolto a prescindere dalla disponibilità di Munoz, sulla carta il più forte del lotto ma anche fragilissimo muscolarmente.

Genoa: la fase difensiva funziona

Izzo impegnato in Genoa-Juve
Izzo impegnato in Genoa-Juve

La retroguardia è affidabile di per sé, ma Rincon e Veloso sanno proteggerla con estrema abilità. Peccato che i due centrocampisti tendano ad arretrare eccessivamente il proprio baricentro, a scapito della manovra d’attacco. E qui si annida il vero handicap di una squadra a trazione anteriore, efficacissima quando può bloccare sullo 0-0 avversari più accreditati, ma non sempre produttiva se obbligata a “fare” la partita e a fronteggiare formazioni arroccate in retroguardia.

Dopo il primo mese condotto a spron battuto sulla scia di una preparazione fisica eccellente, ecco che le magagne sono affiorate chiaramente. Questo Genoa così roccioso e ricco di vigorìa fatica a creare palle gol, in specie quando Pavoletti latita. Troppe volte i portieri antagonisti hanno chiuso la gara senza una votazione in pagella o – come è successo domenica scorsa – si sono dovuti produrre in non più di due interventi degni di nota. Molte partite, nel calcio d’oggi, si risolvono con una spingardata dai venti metri o con una punizione dal limite, ma il repertorio del Grifone sembra non contemplare certe soluzioni, che impongono precisione e potenza balistica ma anche capacità di dribblare e creare di conseguenza una superiorità numerica.

Se non altro, il carattere di Rincon e compagni basta a scongiurare guai peggiori. Come contro il Cagliari, s’è verificata di fronte all’Udinese una partenza ad handicap, che non ha abbattuto moralmente la formazione di Juric, più che meritevole del pari raggiunto e, forse, del successo pieno. In attesa di ritrovare la brillantezza in parecchi elementi, l’ambiente genoano si avvicina senza rassegnazione a due consecutivi appuntamenti che appaiono, sulla carta, proibitivi. La lanciatissima Lazio e il rullo compressore Juventus, tuttavia, sbaglierebbero a sentirsi troppo tranquille: è questo tipo di confronti che, ormai da anni, esalta il Genoa.

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.