Sampdoria: Pereira acerbo, Sala deve accelerare il recupero

976

La difesa della Sampdoria subisce troppi gol, molti i singoli sotto accusa, tra questi il giovane Pedro Pereira. Contro il Palermo potrebbe rientrare Sala.

Giampaolo ha un problema: la sua difesa subisce troppi gol. In sei giornate di campionato solamente una volta i blucerchiati sono usciti senza reti subite (alla prima contro l’Empoli) poi Viviano ha dovuto raccogliere nove palloni dalla sua rete per le cinque sfide successive. Una media di 1,8 gol incassati a gara, decisamente troppi. Molte volte sono stati errori individuali a pregiudicare la prestazione dell’intero reparto. Skriniar per esempio è andato in difficoltà con Roma e Milan mentre lunedì sera a Cagliari a sbagliare sul primo gol è stato Pedro Pereira.

Sampdoria: Pereira acerbo, sarebbe stato meglio prestarlo?

Il classe 1998 è finito nel mirino della critica. La sensazione è che sia fuori forma visto che per molto tempo non ha giocato ma non solo, il campo racconta che l’età si fa sentire e spesso in negativo. A 18 anni si possono fare grandi partite o grandi errori e questa Sampdoria non si può permettere certe altalene di prestazioni. Il ragazzo è acerbo, e non potrebbe essere altrimenti, ma ha talento. Puntare su di lui è un obbligo ma forse sarebbe stato meglio farlo maturare altrove, con una maglia meno pesante e in un campionato meno competitivo.

Sampdoria: Sala accelera per il rientro

Jacopo Sala con la maglia della Sampdoria
Jacopo Sala con la maglia della Sampdoria

Per cercare di ridare punti di riferimento alla difesa Giampaolo sta provando in tutti i modi a recuperare Jacopo Sala. L’esterno difensivo ex Verona è reduce da un problema muscolare che sembra essere quasi riassorbito. Ha lavorato duro, anche nei giorni di riposo, e con il Palermo potrebbe esserci. Deve ritrovare il ritmo partita e forse la staffetta proprio con Pereira sarebbe la soluzione migliore. Per Sala che potrebbe dare tutto per circa un’ora e per il giovane portoghese che avrebbe modo di studiare l’avversario dalla panchina ed avere meno pressioni rispetto alle ultime uscite.

Condividi
Avatar
Nato a Genova nel 1985, appassionato di sport da sempre. Scrivo soprattutto di tiro con l'arco, grazie alla collaborazione con la Fitarco, e di pallanuoto nella sezione web dedicata de Il Secolo XIX. Negli scorsi anni sono stato uno degli speaker "sportivi" di Radio 19.