2a CROTONE – GENOA 1-3: L’uragano Pavoletti si abbatte sul Crotone

Il Genoa trova la sua seconda vittoria consecutiva ed ancora una volta per tre a uno ed in rimonta. Il Crtone parte subito bene e trova il vantaggio poi Pavoletti e compagni si scatenano e per gli uomini di Nicola non possono nulla contro la forza del  Grifone. 
Juric batte il suo passato e si gode il suo presente con una squadra che sembra avere ancora margini di crescita potendo contare su un attaccante come Leonardo Pavoletti. 

Seconda giornata di questa stagione per il Genoa di Ivan Juric che apporta poche modifiche alla squadra che ha battuto il Cagliari la scorsa settimana. Dal primo minuti si vede Nrcham al posto di Pandev che non ha convinto, mentre Gentiletti alza bandiera bianca e così Munoz trova la sua prima presenza stagionale.
Il match non regala grande spettacolo nei primi minuti le due squadre non si scoprono lasciando poca possibilità di passaggio.
Il Genoa cerca di prendere il pallino del gioco in mano ma la serata di Veloso e Rincon non sembra essere delle migliori sbagliando tanti passaggi e appoggi molto semplici. Il Crotone ci crede e trova coraggio andando a mettere in difficoltà in più di una occasione la difesa rossoblù che sembra soffrire la velocità sulle fasce di Martella e Rosi. E la prima occasione per i calabresi arriva al 18’ proprio con Rosi che trovi il tempo giusto per inserirsi alle spalle di Laxalt e Ocampos, troppo distratti ma il suo colpo di testa finisce sul palo. Pochi minuti dopo la traversa salva Lamanna sul piatto destro a colpo sicuro di Palladino.
Il Genoa subisce il colpo e il ritmo imposto dalla squadra di Nicola sembra essere insostenibile e così puntuale arriva il gol dell’ex. Martella si inserisce sulla sinistra mette a sedere Izzo e si libera per il cross che trova puntuale l’inserimento di Palladino che non sbaglia e mette a segno la prima rete storica del Crotone in Serie A.
Da questo momento Pavoletti e compagni iniziano a giocare e mettere alle corde gli avversari. Juric riesce a scuotere la sua squadra ed anche Rincon e Veloso ritornano padroni del centrocampo ed anche Pavoletti entra nel vivo del gioco andando vicino al gol in ben due occasioni, sulle quali Festa, all’esordio in Serie A, compie due grandissimi interventi.
La prima frazione di gara si chiude con i padroni di casa in vantaggio meritatamente, ma con i rossoblù in grande crescita.
Juric decide subito di sostituire Ocampos per Gakpè, per dare maggiore corsa e aiuto a Laxalt in difficoltà su Rosi, e la mossa rivelerà vincente.
Il pressing del Genoa parte subito dal fischio di Rizzoli e infatti solo dopo 8’ minuti è proprio il togolese che trova le rete del pareggio, dopo una bella triangolazione tra Veloso, Pavoletti e Lazovic.
Il Grifone ci crede e mette in scena lo stesso film di domenica scorsa contro il Cagliari e puntuale come un orologio svizzero, Pavoletti segna il gol del vantaggio con uno splendido colpo di testa sul cross telecomandato di Veloso, che dopo una brutta prima parte di gara è salito in cattedra ed ha preso in mano le redine della gara.
Palladino e compagni non trovano più la forza di reagire e non riescono più ad impensierire Lamanna, con il Genoa sempre più padrone del campo in ogni settore.
Al 64’ arriva anche il terzo gol dei rossoblù con Pavoletti con una spaccata che anticipa il suo diretto avversario mandando la palla all’incrocio dei pali, sul quale Festa non può nulla.
Il Crotone sparice dal campo e attacca a testa bassa non riuscendo più a costruire azioni pericolose, lasciando in mano ai rossoblù la costruzione del gioco. Juric decide di inserire Rigoni al posto di Ntcham e Marchese per Munoz, non al meglio della condizione fisica. Il risultato non cambia più e l Genoa può festeggiare la sua seconda vittoria consecutiva.

TABELLINO E PAGELLE: 

Crotone (3-4-3): Festa 6.5; Ferrari 6, Claiton (77′ Sampirisi sv), Ceccherini 5.5; Rosi(83′ Di Roberto sv), Rohdén (82′ Capezzi sv), Salzano 5.5, Martella 6; Tonev 6, Simy 5, Palladino 6.5A disp.: Cordaz, Viscovo, Cuomo, Gnahorè, Barberis, De Giorgio, Stoian. All.: Nicola 5.5.
Genoa (3-4-3): Lamanna 6; Izzo 6.5, Burdisso 6, Muñoz (82′ Marchese sv); Lazović 5.5, Rincón 6, Miguel Veloso 6, Laxalt 6; Ntcham (72′ Rigoni 6.5), Pavoletti 7.5, Ocampos (45′ Gakpé 6.5). A disp.: Perin, Zima, Cissokho, Renzetti, Cofie, Fiamozzi, Simeone, Zanimacchia, Pandev. All.: Jurić 7.
Arbitro: Rizzoli di Bologna.
Marcatori: 34′ Palladino (C), 51′ Gakpé (G), 55′, 63′ Pavoletti (G).
Note – Ammoniti: 13′ Ferrari, 68′ Palladino (C); 61′ Laxalt, 87′ Izzo (G).

 

 

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.