Sampdoria: la qualità al potere, i “mastini” sono tutti sul mercato

833

La Sampdoria di Giampaolo sarà una squadra di qualità, per questo chi tecnicamente non riuscirà ad imporsi sarà ceduto.

Si sgola Giampaolo a Ponte di Legno. Lo fa con tutti, giovani e meno giovani, chiede impegno e soprattutto qualità. La sua Sampdoria sarà una squadra con un’impronta precisa. Potrà variare nei moduli, il 4-3-1-2 è il preferito del tecnico che sta provando anche il 4-2-3-1, ma non nel pensiero di gioco. Servono piedi buoni e testa veloce, serve un gioco fluido e rapido che unito ad un pressing asfissiante dia agli attaccanti la possibilità di giocare spesso contro difese no n schierate.

Per questo il mercato si è concentrato subito sulla ricerca di un regista. Sarà Cigarini che ha qualità da vendere e sa come prendersi una squadra sulle spalle. Garanzia di assist e tempi di gioco giusti nei momenti più opportuni, ha scavalcato nella corsa al posto il fragile Viviani, il costoso Valdifiori e il troppo giovane Verre. Sarà lui a dirigere l’orchestra  con al fianco uomini come Soriano, sempre che qualcuno non paghi la clausola rescissoria, Alvarez o Djuricic per innescare le punte e un altro centrocampista centrale che sia più incursore che mediano e forse scoccherà in questo ruolo l’ora di Carbonero.

Qualità al potere e i classici mastini di centrocampo un po’ ai margini e possibili partenti. L’Udinese e il Bologna studiano Barreto, deludente l’anno scorso e probabile portatore di plus valenza (arrivò a parametro zero). Valigia in mano anche per Ivan che andrà a farsi le ossa in serie B, Bari in pole position. La questione dei piedi buoni potrebbe non riguardare solo il centrocampo. Anche Budimir, ariete da area di rigore, generoso ma un po’ ruvido, potrebbe già lasciare la Sampdoria. Giampaolo vuole qualità e Ferrero gliela sta regalando. Il compito più difficile a questo punto sarà dare equilibrio ai blucerchiati che l’anno scorso in difesa soffrirono contro tutti.

Condividi
Avatar
Nato a Genova nel 1985, appassionato di sport da sempre. Scrivo soprattutto di tiro con l'arco, grazie alla collaborazione con la Fitarco, e di pallanuoto nella sezione web dedicata de Il Secolo XIX. Negli scorsi anni sono stato uno degli speaker "sportivi" di Radio 19.