Stessa classe e più voglia: Genoa, ecco il Veloso bis

980
Cesare Pompilio: il Trofeo
Cesare Pompilio: il Trofeo

Pochi giorni di ritiro sono bastati a convincere tutti. Il nuovo Veloso resterà al Genoa, sarà lui il regista per Juric.

Miguel Veloso resta al Genoa. Da definire ancora i termini dell’operazione. Arriva a parametro zero, così come si è presentato a Pegli per il raduno quando ancora cercava una squadra. Resterà sicuramente con un ingaggio che rientrerà nei canoni dei bilanci di Villa Rostan. Quindi si decurterà e non di poco lo stipendio. L’indizio decisivo è lo stop alle trattative per Dzemaili che dovrebbe restare in Italia, pronta per lui l’offerta del Bologna.

Veloso ha conquistato tutti, cominciando da Juric che dal mercato aspettava un compagno di reparto per Rincon. Serviva un regista, un uomo che in campo detti i tempi e il portoghese questo lo ha sempre avuto nel dna. Con il suo sinistro educato sa innescare i compagni, e lo aveva già dimostrato nella prima esperienza con il Genoa quando però qualcosa andò storto. Due stagioni dal 2010 al 2012, quasi 50 presenze, un buon numero ma mai Veloso è riuscito ad entrare in piena sintonia con l’ambiente. La classe è innata ma all’epoca la fece vedere a Marassi solo a sprazzi.

Ora Veloso è cambiato, forse maturato. Il giocatore lontano dal gruppo, un po’ troppo star rispetto agli altri, ha lasciato il posto ad un ragazzo che a Neustift è decisamente parte integrante del gruppo. Partecipa in mezzo al campo e lo fa anche fuori. Il gruppo lo ha adottato anche perché, lui, non ha risparmiato una goccia di sudore, proprio come il resto della truppa. Il Veloso bis promette di essere più generoso, sarà un centrocampista pronto a lottare per maglia e con Rincon la coppia potrebbe risultare di livello altissimo. Uno, il portoghese distribuirà il gioco, l’altro, il venezuelano, ringhierà su tutti e metterà a disposizione dei compagni la sua leadership. Il centrocampo del Genoa è in mani più che sicure.

Condividi