Genoa vicino a Nandez, da “10” a regista guardando il mare

Condividi

Il Genoa è in vantaggio per Nahitan Nandez, regista classe 1995 che il Penarol deve vendere. Ecco la sua storia.

In Sudamerica lo conosco già praticamente tutti, l’Italia potrebbe essere la sua nuova casa. Nahitan Nandez, a soli 20 anni è pronto a volare sopra l’oceano per far esplodere tutto il suo talento. Piace al Pescara ma il Genoa è in vantaggio. Il suo agente è in Italia e il Grifone sembra avere una corsia preferenziale e il Penarol, sua attuale squadra chiede solo 3 milioni.

Da numero 10 a regista. La storia di Naithan Nandez è un po’ diversa dai tanti sudamericani dai piedi buoni e dalle giocate sopraffine che si piazzano alle spalle delle punte e lì rimangono per tutta la carriera. Il Penarol dopo averlo visto giocare proprio in quel ruolo decide di acquistarlo per portarlo nelle sue giovanili capendo però che questo ragazzetto di un metro e 75 centimetri  oltre ad avere una discreta classe ha geometria e voglia di combattere. Da qui nasce l’intuizione di schierarlo davanti alla difesa, a distribuire palloni per i compagni, impostando la manovra dal basso e non rifinendola come il classico numero 10 sudamericano.

Genoa o Pescara? Una scelta di mare

E’ la svolta. Montero, ex difensore della Juventus, si innamora di lui e gli fa fare la scalata nelle giovanili del Penarol in tempi molto brevi fino a farlo arrivare in prima squadra giovanissimo. Nel frattempo l’Uruguay partecipa al Mondiale Under 20, arriva terza e la guida (con fascia da capitano la braccio) di quella squadra è proprio Naithan Nandez. Da qui la sua ascesa non si ferma più, diventa titolare nella più titolata squadra del suo paese ed esordisce anche in Coppa Libertadores nonché nella selezione maggiore dei vari Cavani, Suarez e compagnia. Tutti parlano di lui in patria e non solo. Per questo il suo agente adesso è in Italia e tratta con Genoa e Pescara. Un indizio sul perché proprio loro? Nandez senza mare proprio non può stare almeno leggendo queste sue parole: “quando ho tempo mi godo Maldonado (vicino a Montevideo, i posti dove è nato) e le sue spiagge”. Adriatico o Ligure? Anche la scelta del mare potrebbe fare la differenza per assicurarsi questo classe 1995 che è pronto a confrontarsi con il calcio europeo dopo aver impressionato tutto il Sudamerica.

Condividi

Articoli correlati

A Napoli il Genoa ha scontato antichi vizi ma si è confermato in crescita

Un capitolo già letto, un dejà-vu che suscita rimpianti...

Napoli-Genoa 1-1, Frendrup a inizio ripresa, Ngonge pareggia solo al 90′

La trasferta di Napoli è una pratica metafora della...

Il Grifo può puntare al colpaccio da corsari a Napoli

Vero che l'Atalanta ha spezzato l'incantesimo, ma non si...

Dea troppo superiore, ma il Genoa ha saputo tenerle testa

Ci sta di perdere di fronte ad una corazzata...

Gila accoglie al varco la lanciatissima Atalanta del maestro Gasperini

L'ambiente genoano è talmente sereno e disteso – evento...