38a, JUVE-SAMP 5-0: manita bianconera, giusto epilogo di una stagione indegna

Juventus-Sampdoria 5-0. La buona notizia è che il campionato è finito. Se fosse durato anche solo altre 2 giornate, la retrocessione, scampata miracolosamente nonostante le ultime 3 sconfitte e una stagione da film horror, la Serie B per i blucerchiati sarebbe stata assicurata. Incommentabile la prestazione della Sampdoria al cospetto della Juve Campione d’Italia, che trova gioco facile sin dal 5′ minuto quando va in vantaggio con Evra. Poi si scatena Dybala con una doppietta (primo gol su rigore in cui viene espulso Skriniar). Nella ripresa i bianconeri arrotondano prima col poker di Chiellini e infine con la manita di Bonucci.

Le formazioni

Max Allegri non vuole cali di tensione come accaduto a Verona in vista della finale di Coppa Italia e fa pochissimi cambi rispetto all’11 tipo. Neto e Pereyra titolari, Lichsteiner vince il ballottaggio con Cuadrado, Hernanes in cabina di regia e coppia d’attacco Dybala-Mandkukic. Montella schiera una Samp super offensiva a Torino: 3-4-2-1. Brignoli tra i pali per un problema di Viviano, Silvestre confermato al posto di Ranocchia, con Skriniar e Diakitè a completare la difesa. Non c’è Soriano a centrocampo ma Krsticic insieme a Barreto. Jacopo Sala rileva De Silvestri sulla destra, mentre in attacco Correa e Alvarez supportano Quagliarella. L’impressione è che l’allenatore doriano voglia premiare chi ha qualche possibilità di restare anche nella prossima stagione.

JuveSamp - formazioni

La partita

Partenza che dire in salita è dire poco per la Samp: un bel sinistro da lontano di Alvarez – parato in corner da Neto – illude i tifosi, ma al 5′ Silvestre perde la marcatura di Evra su un piazzata dalla distanza di Dybala e il terzino francese può insaccare il suo secondo gol in carriera ai blucerchiati di testa in tuffo.

Passano appena 10′ e la difesa della Samp si fa infilare per vie centrali dove si incunea Mandzukic, Skriniar prova il recupero in scivolata sul croato ma lo stende in piena area: rigore ed espulsione per il giovane slovacco. Sul dischetto va Paulo Dybala che non sbaglia nonostante il buon tuffo di Brignoli.

Dybala potrebbe trovare subito la doppietta personale, ma il suo sinistro a giro viene parato in tuffo da Brignoli. Poi, al 34′ un diagonale di Mandzukic esce di poco per via di una leggera deviazione, ma la Juve va ancora a segno 3′ dopo con un missile da mancino di Paulo Dybala che fulmina Brignoli dai 22 metri. 3-0 Juventus.

Al 41′ Pogba prova a sorprendere Brignoli da distanza siderale; il portiere blucerchiato è sorpreso ma il francese coglie solo la parte alta della traversa. E’ l’ultima emozione di un primo tempo di pura festa per la Juve, che non avrebbe potuto trovare uno sparring partner più arrendevole della Samp per festeggiare il 5° scudetto consecutivo.

Disastro Samp nei primi 45′ di gioco: un suicidio in piena regola al cospetto dei Campioni d’Italia. E non è finita qui, perché nella ripresa la Juve può solo che prendere il largo.

Nessuna sostituzione a inizio ripresa, 7′ per vedere la prima occasione, che capita sul sinistro di Chiellini. Il difensore della Nazionale a tu per tu con Brignoli si fa deviare la conclusione in corner. Primo cambio per Montella al 10, che con l’ingresso di Ranocchia al posto di Sala si rimette a 3 in difesa, dirottando Alvarez sulla fascia destra di centrocampo. La mossa del tecnico doriano imbriglia un po’ la Juve che tira bruscamente il freno a mano e rallenta il ritmo di gioco. Al 20′ un cambio anche per Allegri: Sturaro per Pereyra. Subito dopo, standing ovation dello Stadium per Dybala, che esce tra gli applausi lasciando spazio a Morata. Terzo cambio per la Juve al 30′: spazio a Zaza che dà un po’ di riposo a Mandzukic. Nella Samp entra invece Soriano per Correa.

Giusto il tempo di un caffé ed ecco il quarto gol bianconero. A segnarlo è Giorgione Chiellini, che scarica in rete un sinistro al volo da fuori area che non lascia scampo a Brignoli. 4-0 JUVE al 32′ della ripresa!

Due minuti dopo il poker Morata sfiora la cinquina di testa, Brignoli ci mette le manone nonostante la distanza ravvicinata. Non è finita, perché al 39′ su corner, Morata stacca in area su Ranocchia, si inserisce Bonucci che da un metro insacca il quinto gol. 5-0 JUVE!

Incassato il gol della manita, Montella richiama in panchina Quagliarella per concedere gli ultimi scampoli di partita a Ponce, stella della Primavera di Pedone all’esordio in Serie A. Peccato non ci sia tempo per lui di dimostrare il suo valore. Juventus-Sampdoria finisce 5-0.

Tabellino

JUVENTUS-SAMPDORIA 5-0

RETI: p.t. 5′ Evra, 15′ (rig.), 37′ Dybala; s.t. 32′ Chiellini, 39′ Bonucci

JUVENTUS (3-5-2): Neto 6,5; Barzagli 6,5, Bonucci 7, Chiellini 7,5; Lichtsteiner 7, Pereyra 6,5 (s.t. 20′ Sturaro 6,5), Hernanes 6,5, Pogba 7, Evra 7; Mandzukic 7 (s.t. 30′ Zaza 6,5), Dybala 8 (s.t. 22′ Morata 6,5). A disposizione: Buffon, Rubinho, Rugani, Padoin, Lemina, Asamoah, Cuadrado. All. Allegri 7

SAMPDORIA (3-4-2-1): Brignoli 5; Diakité 5, Silvestre 4, Skriniar 4; Sala 4 (s.t. 10′ Ranocchia 4,5), Krsticic 4, Barreto 4,5, Dodò 4; R.Alvarez 3,5, Correa 5 (s.t. 31′ Soriano 4); Quagliarella 4,5 (s.t. 40′ Ponce). A disposizione: Viviano, Puggioni, Cassani, Pereira, Calò, Soriano, De Silvestri, Palombo, Muriel, Ponce, Rodriguez. All. Montella 3

ARBITRO: Gavillucci di Latina 7

NOTE: espulso Skriniar al 14′ p.t. per chiara occasione da gol. Ammoniti Chiellini, Hernanes, Sala e Sturaro.

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.