Sampdoria: le vedove di Eder e le prodezze di Fabio

A volte (per fortuna) ritornano. Estate 2007. La Sampdoria perde Fabio Quagliarella. Gioco, gol e soprattutto spettacolo. Finisce tutto dopo l’apertura delle buste. Marotta cerca di rastrellare tutto il rastrellabile per competere con l’Udinese ma l’offerta della famiglia Pozzo e’ superiore a quella dei Garrone di circa 900mila euro.

Inverno 2016. Nove anni, una nuova gestione gestione, un scendi (2011) e risalì (2012) dalla serie B. Riecco “Quaglia” in blucerchiato chiamato nell’emergenza per scongiurare una nuova discesa negli inferi. Nove anni dopo. Un compito grande grande: far girare un reparto rimasto privo del principale punto di riferimento.

EderOggi sarebbe interessante andare a cercare, una ad una, le “vedove” di Eder. Chi, a fine gennaio, non solo ha pianto la partenza dell’italo-brasiliano di Conte, ancora a secco all’ombra della Madonnina,  ma pure ha espresso disaccordo, anzi vera e propria scocciatura, per il ritorno di Quagliarella.  Non più il fantastico goleador blucerchiato della stagione 2006-2007 ma, ai loro occhi, un attaccante consumato non solo dagli anni ma anche dal tribolato rapporto con l’ambiente granata.
Gli inguaribili nasini, invece, sono stati costretti a farsene una ragione. Quagliarella ha avuto certamente bisogno di tempo per ritrovare la forma ottimale, integrarsi in un nuovo gruppo e nella filosofia di gioco di Montella. Ma la lingua del gol e’ universale, figuratevi se tra Torino e Genova può cambiare qualcosa!

In questa Sampdoria, il trentatreenne di Castellammare di Stabia resta l’unico ad avere una certa dimestichezza con la porta avversaria e, di conseguenza, la forza per l affrontare mari tempestosi e navi da pirati molto insidiose con il coltello tra i denti. La prima, quella in arrivo domenica scorsa da Frosinone, e’ stata affondata. Ora ecco la seconda, quella di Verona, dalla quale occorre almeno scendere indenni.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.