Camogli-Lavagna: super sfida in serie A2

53

Il campionato di serie A2 riparte dopo la sosta con il big match tra Camogli e Lavagna, le prime due della classifica.

Ci sono partite che riescono a presentarsi da sole senza chiedere aiuto  a parole o strani aforismi. Ci sono partite che solo sapere di giocarle fanno battere  forte il cuore. Il momento del derby finalmente è arrivato e tutto il resto perde totalmente importanza; la gara assume i contorni  di uno scontro diretto grazie all’ottima classifica di entrambe le squadre e allora, anche per questo, l’appuntamento non si potrà sbagliare.

La squadra sta attraversando un momento di forma eccezionale e anche in settimana  si è allenata  con entusiasmo e professionalità;  al Boschetto arriverà una delle squadre più forti del campionato e di conseguenza, per continuare  a volare, servirà l’aiuto di tutti coloro che amano il vecchio cuore bianconero. “Non vediamo l’ora di giocare questa partita”, ha detto mister Magalotti in sede di presentazione “E’ scontato affermare che sarà una partita molto difficile. Conosciamo bene i nostri avversari  siamo consci della loro forza noi però, stiamo bene e non abbiamo alcuna intenzione di mollare niente.

La Di Meglio Lavagna può vantare un ottimo attacco  sostenuto da una difesa sempre molto presente ed attenta; ogni ora che passa vedo nei ragazzi la voglia di entrare in vasca e di dare tutto per vincere questa partita. Sarà un derby quindi mi aspetto grande agonismo oltretutto, la posizione di classifica di entrambe le squadre rende tutto ancora più magico. Il nostro pubblico è sempre stato la nostra arma in più quindi a tutta Camogli posso solo dire di riempire, come sempre, la Giuva e di godersi questa grande partita. Non sarà assolutamente decisiva perchè non siamo neanche a metà campionato ma vincere ci darebbe ancora più carica e vogliamo fare di tutto per regalare una gioia a tutto l’ambiente”. Queste la parole del mister che fissa l’obiettivo e non nasconde la propria fame di derby; rinnoviamo quindi l’appuntamento per sabato sera alle ore 19 perché è anche in partite come queste che è più bello essere bianconeri. Allora questo è il momento  fuori i secondi, è tempo di derby”.

Condividi
Avatar
Nato a Genova nel 1985, appassionato di sport da sempre. Scrivo soprattutto di tiro con l'arco, grazie alla collaborazione con la Fitarco, e di pallanuoto nella sezione web dedicata de Il Secolo XIX. Negli scorsi anni sono stato uno degli speaker "sportivi" di Radio 19.