L’avversario – Fiorentina: è tornato Gomez. Salah, Diamanti o tutti e due?

Vincenzo Montella non ha ancora sciolto i dubbi di formazione che riguardano la sua Viola, impegnata sabato al Franchi contro la Samp dell’amico Mihajlovic, prima di lanciarsi in un tour de force tra Coppa Italia, campionato ed Europa League. Un po’ di turnover sarà inevitabile, staremo a vedere se già contro i blucerchiati o più avanti. La gara d’andata, le statistiche, il momento e la probabile formazione della Fiorentina.

[divide] [dropcap font=”arial”]N[/dropcap]on è facile indovinare in anticipo le mosse di Montella per Fiorentina-Samp. Il tecnico campano deve sì pensare a far sua la difficile gara interna di sabato alle 18.30 contro la Samp, ma, nello stesso tempo, deve altresì guardare più lontano, dosando le forze per dare il meglio in questa fase della stagione cruciale per la Viola su tre fronti. Martedì 7 c’è il ritorno di semifinale di Tim Cup contro la Juve, domenica 12 altro spareggio Champions contro il Napoli in Serie A, giovedì 16 ecco l’andata dei quarti di finale di Europa League a Kiev contro la Dinamo, lunedì 20 il Verona, giovedì 23 il ritorno decisivo contro gli ucraini e poi il rush finale delle ultime 4 in campionato. Una gara ogni 3 giorni. Una striscia di incontri serrati che Montella dovrà gestire con grande abilità, se vuole centrare almeno un obbiettivo e magari alzare una coppa.

[divide]

La gara di andata

Sampdoria-Fiorentina dello scorso ottobre è riassumibile in 5 nomi: Palombo, che contro la sua ex squadra ha segnato il suo unico gol stagionale su rigore; Romero, che ha parato il rigore a Gonzalo Rodriguez; Rizzo, alla prima rete in Serie A; Savic autore del gol del momentaneo 2-1 ed Eder, protagonista dello straordinario cost-to-cost del 3-1 finale. Riviviamo le emozioni della gara con le immagini di RaiSport.

2/11/2014, Sampdoria-Fiorentina 3-1 (Video, highlights, sintesi, gol)

[divide]

Il momento della Fiorentina

La classifica attuale dice sesto posto a 46 punti per la Viola, frutto di 12 vittorie, 10 pareggi e 6 sconfitte, 2 di esse in casa contro Napoli e Lazio, guarda un po’ le altre 2 pretendenti, insieme alla Samp, a un posto in Europa, Champions o EL che sia.

Solo 2 gli stop in tutto il 2015: il primo clamoroso alla Befana contro il Parma, il secondo schiacciante contro la Lazio: un 4-0 in cui i capitolini hanno fatto valere la maggiore freschezza data dall’assenza di impegni europei.

JUVENTUS - FIORENTINAPoi, alcuni buoni pareggi e 4 vittorie fondamentali: il 2-0 secco d’inizio febbraio alla Roma in Coppa Italia, il 2-0 di fine mese in EL contro il Tottenham, l’1-2 ancora in Tim Cup alla Juve d’inizio marzo e infine lo 0-3 inferto in Europa di nuovo ai giallorossi. La Viola ha dimostrato di poter vincere contro ogni avversario, in tutti i giorni della settimana e in qualsiasi stato di forma. Con o senza Gomez, sempre facendo a meno di Rossi e anche rinunciando talvolta a Salah, il fiore all’occhiello del mercato di gennaio, sempre decisivo nelle tre competizioni sin dal suo arrivo a Firenze.

Nell’ultimo match disputato prima della sosta, i gigliati hanno impattato per 2-2 in casa di una buona Udinese, che subito in vantaggio al 15′ ha saputo reagire al bis di Supermario Gomez con la rete di Kone. Per la Viola si tratta di un ottimo punto esterno, che però ha momentaneamente agevolato il sorpasso della Samp. Ora, la chance per il controsorpasso.

[divide]

Le statistiche di Fiorentina-Sampdoria

Grazie a Football Data, via Sampdoria.it, vediamo ora i numeri più significativi della sfida.

I precedenti: Samp senza successi da 11 anni. Sono 61 i precedenti ufficiali tra Sampdoria e Fiorentina, con bilancio di 32 affermazioni viola (ultima 2-1, nella Serie A 2013/14), 21 pareggi (ultimo 2-2, nella Serie A 2012/13) e 8 vittorie blucerchiate (ultima 2-0, nella Serie A 2004/05). L’ultimo successo doriano al “Franchi” risale al 26 settembre 2004, 2-0 con reti di Bazzani e Sacchetti; da allora si ricordano 8 incroci, con 5 successi viola e 3 pareggi.

Fiorentina, la cooperativa del gol 2014/15 in Serie A. La Fiorentina è la cooperativa del gol nella Serie A 2014/15: sono 17 i giocatori viola già andati a segno nelle prime 28 giornate: in ordine alfabetico Babacar, Basanta, Borja Valero, Cuadrado, Diamanti, El Hamdaoui, Gomez, Ilicic, Joaquin, Kurtic, Mati Fernandez, Pasqual, Rodríguez, Salah, Savic, Tomovic e Vargas. Tanti gol, che spesso arrivano dalla panchina: la Fiorentina è una delle due squadre della Serie A 2014/15 che segna il maggior numero di gol con giocatori entrati a partita in corso: 7, come l’Hellas Verona. I 7 gol viola portano la firma di Salah (due), Babacar, El Hamdaoui, Ilicic, Joaquin e Kurtic (uno a testa).

Ottimo il momento e lo stato di forma dei toscani, lo dicono due dati: un solo k.o. della Fiorentina nelle ultime 18 gare ufficiali e 10 gare casalinghe di fila con gol.

Ultima nota sull’arbitro. Sarà Luca Banti di Livorno a dirigere Fiorentina-Sampdoria: i viola contano 20 precedenti, con score di 10 successi, 6 pareggi e 4 sconfitte; i blucerchiati vantano 7 vittorie, 2 pareggi e 6 sconfitte su 15 incroci ufficiali.

[divide]

La probabile formazione della Fiorentina per Fiorentina-Sampdoria

Riportiamo le certezze e per il resto procediamo per ipotesi, visto che solo domani pomeriggio Montella scioglierà gli ultimi dubbi di formazione. Pepito Rossi a parte, non sarà della gara lo sloveno Ilicic, squalificato, così come l’infortunato Pasqual. panchina certa al 99% per Savic e Tatarusanu, ristabiliti ma non certo da rischiare una ricaduta. Due le alternative tattiche per il tecnico viola: o giocare con la difesa a 4 con Alonso e Richards terzini, o riproporre il 3-5-2 con Joaquin e l’esterno iberico in corsia. Dalle ultime indiscrezioni sembra che l’intenzione di risparmiare per la Juve i sempre presenti Savic, Mati Fernandez e Joaquin faccia propendere Montella verso un 4-3-2-1, in cui dietro a Gomez dovrebbero giocare sia Diamati che Salah, ma, come detto, nulla è deciso. Vediamo ora ruolo per ruolo le possibili novità di formazione nella Fiorentina.

Schema: 4-3-2-1

Difesa: Tatarusanu c’è, ma solo per la panchina. Spazio in porta dunque ancora a Neto, in rotta con la società ma non coi compagni. Coppia centrale argentina formata da Gonzalo Rodriguez e Basanta. Alonso a sinistra e Richards a destra. In panchina dovrebbero restare Tomovic, Savic e Rosi.

Centrocampo: con Joaquin e Mati Fernandez in panca, toccherà al trio Aquilani, Badelj e Valero. Anche Pizzarro ha recuperato, ma verrà impiegato nelle prossime gare. Dovrebbe accomodarsi vicino a Montella con Kurtic e Vargas.

Attacco: lanciatissimo dopo la doppietta al Friuli, Mario Gomez sarà ancora titolare. Alle sue spalle dovrebbe agire Diamanti e Salah in coppia, ma sia Babacar che Gilardino scalpitano. nei convocati c’è anche Bernardeschi, finalmente pronto dopo il lungo infortunio.

Il probabile 11 titolare:

[divide]

Alessandro Pucci

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.