L’avversario – Sassuolo: largo al tridente bis. La probabile formazione

Per la 22^ giornata di Serie A Tim, la Sampdoria affronta in casa un Sassuolo in emergenza attacco. Il tecnico neroverde Di Francesco dà spazio così alle seconde linee e lancia con tutta probabilità il neo acquisto Lazarevic. Dubbi in mediana e sulla corsia mancina. La probabile formazione.
[divide] Un vero ciclone di squalifiche si è abbattuto sul Sassuolo dopo la brillante vittoria dell’ultimo turno al “Mapei Stadium” contro l’Inter: Berardi, Zaza e Sansone, tutti in gol nel 3-1 contro la squadra di Mancini, saltano Sampdoria-Sassuolo, aprendo così una voragine nell’attacco degli emiliani. Eusebio di Francesco deve fare così di necessità virtù e rinunciare al suo tridente giovane e molto tecnico che gli ha garantito sin qui ben 17 reti (su 27 totali): 8 Zaza, 6 Berardi e 3 Sansone.
La gara di andata non viene certo ricordata come esempio di spettacolarità calcistica, uno 0-0 che stette piuttosto stretto a una Samp che iniziava a carburare, ma che già allora lamentava una certa mancanza di coraggio in trasferta. Ben più impresso nella memoria è invece l’ultimo risultato del “Ferraris”, quel 3-4 del 3-11-2013 che influì moltissimo sul successivo esonero di Delio Rossi: tripletta di Berardi, gol di Floro Flores e una rete a testa per Pozzi, Eder e De Silvestri. Dalle ceneri di quella debacle e dalla successiva sconfitta di Firenze, nacque così la Sampdoria di Mihajlovic.
[divide]

Sampdoria-Sassuolo 3-4 del 3 novembre 2013


[divide]

EDF e le ambizioni del patron Squinzi

Al secondo anno di Serie A, dopo una salvezza sudata l’anno scorso, Eusebio Di Francesco ha ormai costruito una squadra competitiva per la categoria. La parentesi Malesani ha forse fatto realizzare ancor di più al presidente Giorgio Squinzi (presidente anche di Confindustria) che l’ex romanista dei tempi di Aldair e Balbo è un valore da cui è impossibile prescindere in questo momento. Un tecnico giovane che ama lo stile di gioco offensivo e che recentemente è anche migliorato anche nell’organizzazione della fase difensiva, tanto che di lui si vocifera da tempo per il dopo Mihajlovic alla Samp, o per il dopo Montella in viola. Certo è che la dirigenza emiliana ha fatto ingenti investimenti per dotare il tecnico occhialuto di una rosa di valore, basti pensare solo a Consigli, Peluso e Vrsaljko, costosi acquisti estivi ambiti da molte squadre di A. Anche se la prova di abilità più evidente è stata quella di riuscire ad avere, in prestito e in comproprietà, giovani di primo piano come Zaza, Berardi e Taider, oltre a soffiare un talento come Nicola Sansone al Parma.
Sin qui la classifica dice 11° posto a 28 punti, frutto di 6 vittorie, 10 pareggi e 5 sconfitte: una squadra che perde poco e pareggia molto, un po’ come la Sampdoria. L’obbiettivo dichiarato in casa Sassuolo è una salvezza tranquilla, ma la sensazione è che in Emilia, in questa stagione in cui dietro a Juve, Roma e Napoli potrebbe succedere di tutto, un pensierino all’Europa lo si sia fatto eccome.
[divide]

La probabile formazione del Sassuolo per Sampdoria-Sassuolo

Scontato l’impiego di Floccari e Floro Flores per sostituire gli squalificati. Di Francesco sembra non voler rinunciare al tridente e schierare dal primo minuto il neo acquisto Lazarevic, appena arrivato dal Chievo Verona. Le note stonate non si limitano però all’attacco, perché in settimana Missiroli ha accusato qualche problema fisico e pare sia recuperabile solo per la panchina, così come Peluso. Le note liete sono invece i ritorni di Acerbi dalla squalifica e di Taider dalla Coppa d’Africa, anche se il tecnico neroverde potrebbe inizialmente farne a meno. Vediamo ora le possibilità novità di formazione nel Sassuolo ruolo per ruolo.
Schema: 4-3-3
Difesa: Consigli inamovibile, i centrali saranno Cannavaro e Acerbi. Sulla destra spazio a Vrsaljko (c’è anche l’ipotesi che giochi nel tridente offensivo), mentre in corsia mancina Longhi appare favorito su Peluso e Gazzola. In panchina, Bianco e Antei coi portieri Polito e Pomini. Infortunati Pegolo e Terranova.
Centrocampo: capitan Magnanelli dirigerà le operazioni al centro della linea a tre, dove, ai suoi lati, si giocano due maglie Brighi, Biondini e Taider. Pochissime chance per Chibsah, affiancato in panchina dal giovane Donis.
Attacco: scocca l’ora di Floccari e Floro Flores, che se come sembra saranno coadiuvati da Lazarevic, comporranno un tridente inedito di ex genoani. Convocato per la panchina anche il baby Sereni.
Il probabile 11 titolare:

[divide] Alessandro Pucci

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.