Ad Artesina tanta neve ed il Carnevale di Mondovì

146

Il Carnevale di Mondovì, Carlevè ‘d Mondvì in dialetto piemontese, si trasferisce ad Artesina. Grande appuntamento, domenica prossima, con l’arrivo del Moro, della Bela e della Corte. I simboli del Carnevale Monregalese  sfileranno sulle piste da sci e incontreranno Pinky, la mascotte di Artesina, sul palco della piazza pedonale di Artesina per la gioia dei bambini e delle loro famiglie. L’appuntamento è fissato per le ore 15 sul palco centrale dell’ area Fun.  E’ questo uno dei molteplici appuntamenti del week end di Artesina, metà delle gare FIS della Liguria e del Piemonte e di centinaia di ragazzi arrivati in settimana per un soggiorno sulla neve nell’ambito del progetto educational “La montagna amica”. Domenica Radio 19 allieterà i turisti con musica ed animazione. Dalle 10 saranno attivi il pattinaggio su ghiaccio, i mini-quad elettrici ed il jumping assieme al Pinky Park, l’area per i più giovani che avranno la possibilità di diversi con bob e slittini seguiti dai locali animatori. Alle 12, in attesa di incontrare il Moro, la Bela e la sua Corte (circa 20 menestrelli), Pinky si cimenterà nella sua “dance” con i più piccoli. Per gli amanti dello sci, apertura totale del comprensorio per un week end  entusiasmante con condizioni neve veramente fantastiche in attesa dell’adrenalina allo stato puro dell’Artesina Freeride Fest in arrivo sabato 7 e domenica 8 febbraio. Per rimanere costantemente aggiornati, è possibile seguire gli aggiornamenti in tempo reale sul sito artesina.it e sulla pagina Facebook “Artesina official page”

IL CARNEVALE DI MONDOVI

Il Carnevale di Mondovì – Carlevè ‘d Mondvì in dialetto piemontese – ha origini antiche, risalenti al XVI secolo e ritorna ogni anno ad allietare gli abitanti del basso Piemonte e non solo coinvolgendo tutta la città per almeno dieci giorni. La figura del Moro che raduna il popolo per i festeggiamenti del carnevale trae spunto da un automa in ferro realizzato nella seconda metà del diciottesimo secolo da un artigiano locale, Matteo Mondino. L’automa, con un martello in mano per battere le ore su una campana, è stato collocato sotto un baldacchino posto sopra la facciata della chiesa di San Pietro, nel centro di Mondovì dove sta ancora adesso. Il Moro diventa quindi uno dei simboli di Mondovì, insieme a quello più antico della Torre del Belvedere e diventa maschera ufficiale nel 1950, con la prima interpretazione da parte di Bastianin Vinai.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.