Il cuore dell’Entella non basta per battere il Bologna

47

Può una sconfitta essere in grado di riuscire a strappare un leggero  sorriso? Riteniamo che sia molto difficile ma, all’Entella vista sabato, si
fa fatica a  rimproverare qualche cosa. Alla vigilia si era detto che sarebbero serviti undici guerrieri per fermare la corazzata Bologna ed
effettivamente per lunghi tratti si è vista una squadra mettere in campo uno spirito bellico coinvolgente. I Biancocelesti hanno cercato di fare la
partita pur palesando una qualità di palleggio inferiore a quella dell’avversario. Tuttavia, il vantaggio firmato da un sempre  più decisivo
Mazzarani, aveva fatto sognare una città intera e non era stato altro che la logica conseguenza di un ottimo primo tempo giocato dai padroni di casa.
L’Entella, per la seconda volta in questa stagione contro gli emiliani, ha avuto il merito di non snaturalizzarsi e di giocarsela alla pari. Per quanto il risultato non premi certo gli uomini di Prina, in questi novanta minuti possiamo dire con certezza che non si sia visto tutto questo divario tecnico, evidente invece sulla carta. Ancora una volta gli episodi non hanno sorriso ai diavoli neri: lo sfortunato scivolone di Russo ha dato il la alla rete del pareggio e la deviazione sul tiro di Laribi è stata decisiva ai fini del risultato. Ciò nonostante, anche nel secondo tempo la squadra ha dato prova di grande carattere e sacrificio. Non era facile fare male al Bologna ma per lunghi tratti si è giocato costantemente nella metà campo ospite, tante sono state le componenti importanti: dall’ottima prova di Volpe e César alla grande risposta di Chiavari. Si è infatti giocato finalmente davanti ad un Comunale tutto esaurito e, risultato finale a parte, come sottolineato da tutti i giocatori nel post partita lo stadio
pieno ha dato una grande spinta in tutti i sensi. Riteniamo però che per la truppa biancoceleste il difficile venga proprio ora: iinfatti, dopo aver
dimostrato di potersela giocare alla pari contro la squadra più forte del campionato, bisognerà trovare gli stimoli e le motivazioni giuste per fare
di tutto affinchè la trasferta di Brescia possa portare dei punti alla classifica dei liguri. Su questo aspetto però siamo sicuri che mister Prina
non farà fatica a trovare particolari stimoli per motivare la squadra visto che nelle ultime uscite abbiamo visto un gruppo sempre più compatto e coeso, in grado di poter dare filo da torcere a qualsiasi avversario. Infine, dando un’occhiata anche al mercato. sarà questa una settimana decisiva probabilmente per l’arrivo di un centravanti in grado di dare un contributo importante ad un reparto relativamente sterile sotto porta. Per la gara di Brescia. Inoltre, è facile attendersi il debutto da primo minuto per il centrale Ligi, appena arrivato dal Bari nello scambio con Rinaudo. Ligi dovrebbe partire titolare vista la squalifica rimediata da Michele Russo.

Nicolò Pagliettini

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.