Ferdani e Napoletano, negli 800 esordio promettente

48

Il meeting Nazionale indoor di Padova ha rappresentato il primo banco di prova importante, per diversi atleti di SpeTec Duferco Carispezia. 

Dopo aver smaltito gli effetti dell’influenza di stagione, Chiara Ferdani, stella del club spezzino, esordiva nei suoi 800 metri e nella categoria juniores. Il secondo posto ottenuto con 2’10”21 rappresenta uno dei suoi migliori risultati di sempre al coperto, ottenuto oltretutto con una distribuzione cronometrica non troppo equilibrata. Del resto il suo spirito guerriero  che la spinge sempre a mettere il naso davanti a tutte le avversarie all’arrivo e quindi seguire qualsiasi atleta anche  piu’ esperta e di riferimento, per preparare il suo mortifero sprint finale, non l’ha agevolata dal punto di vista cronometrico. Ora, all’esordio, va molto bene cosi’. Molto efficiente anche Alice Napoletano,  che giunge quarta dopo sei mesi d’assenza dalle gare per infortunio, che con 2’18”04 polverizza il suo personale indoor. Con questo tipo di risultato alla prima gara, e’ possibile pensare ad altri progressi molto presto.

Al maschile e’ buona la prova di Michele Franceschini (juniores) che si migliora con 1’57”03 immediatamente a ridosso dei migliori juniores d’Italia,  mentre anche Andrea Del Sarto (promessa) fa una bella gara e progredsce molto con 1’59”73. Nella stessa riunione tornava a correre i 200 metri  indoor Rita Ricciotti, dopo tre anni. Il suo 26”79, dominando la sua serie, e’ risultato che testimonia il forte recupero di quest’atleta quasi inattiva nel 2014 per i postumi di un importante infortunio.

Nelle stesse date, a Firenze, molti altri atleti sono in gara nello sprint (60 metri) e nei salti.

Bene Elena Arena nei 60, corsi in 8”10 all’esordio. Cosi’ come Nikolas Sgroi (allievo) che conferma i suoi progressi e corre in 7”28. Un po’ appannato Giorgio Nigro, con 7”43 lontano dal suo standard, mentre abbastanza bene si muove Matteo Bonomi con 7”65 (personale dopo 3 anni costellati da molti problemi fisici) ma soprattutto ottimo il suo 6,08 nel salto in lungo. Luca Motto (promessa) mai molto brillante d’inverno per i suoi problemi di studio, corre i 60 in un discreto 7”55.

Nel salto in lungo ottimo come sempre Andrea Melchiorre. Non e’ una novita’ per questo ragazzo serio, forte e regolarissimo,  che con 6,47 demolisce il suo personale indoor. Nella stessa gara Luca Gambini, allievo al primo anno, esordisce con un 5’85 abbastanza normale per lui che e’ giovane di ben altre potenzialita’.

Nel salto con L’asta conferma per Silvia Mazzi, seconda con 3,60 e 3 tentativi falliti di poco al record ligure di 3,75, destinato a cadere presto. In questa gara Carolina Biavasco, allieva, non va oltre 2,70 ma la sua militanza nell’atletica e la pratica in questa specialita’ sono talmente recenti che il suo rendimento un po’ altalenante e’ del tutto normale.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.