L’avversario – Lazio, Biglia e Candreva solo in panchina. La probabile formazione

Lunedì 5 gennaio si riaccendono i riflettori sulla Serie A Tim, con l’atteso anticipo Lazio-Sampdoria, scontro diretto per il terzo posto. Il tecnico biancoceleste Pioli recupera Candreva e Biglia dai rispettivi infortuni, ma pare intenzionato a non schierarli dal primo minuto.
 

Le parole dei tecnici

Domani giocheremo davanti ai nostri tifosi, a loro faccio un invito, a loro dico venite numerosi, dateci la spinta, sostenete i calciatori”, ha detto Stefano Pioli in conferenza stampa. “Dopo questa gara penseremo e prepareremo il derby insieme ai nostri tifosi. Stiamo bene, siamo pronti. Il derby è un chiodo fisso per tutti, ma dobbiamo arrivarci. È il momento della Lazio, un momento verità“, ha inoltre aggiunto l’allenatore ex Bologna pensando anche alla successiva gara contro la Roma. “Non nascondo di essere un tifoso della Lazio, ma domani vorrei dar loro un dispiacere“, ha replicato dal canto suo Mihajlovic da Bogliasco.

Il momento della Lazio

Due squadre in salute Lazio e Sampdoria che, insieme al Napoli, occupano la terza piazza della classifica a quota 27 punti. Sono quattro i risultati utili consecutivi dei capitolini che, dopo la batosta interna contro la Juve, si sono ottimamente destreggiati anche senza il proprio uomo squadra, il nazionale azzurro Antonio Candreva (2 gol e 7 assist), trovando nei gol del discusso capitano Stefano Mauri (migliore marcatore con 6 reti come Djordjevic) la chiave per il successo. Un successo per la verità costruito su solide base tecniche, perché in estate la squadra del presidente Lotito si è oculatamente rinforzata in tutti i reparti (De Vrji, Basta, Parolo e Djordjevic davvero ottimi colpi e a prezzo contenuto) e che ha trovato nell’esplosione di Biglia e Felipe Anderson nuova linfa. A  farne le spese sono i protagonisti dell’anno scorso Miro Klose e Keita Baldé (oggi nel radar juventino), che stanno trovando poco spazio e che fino all’ultimo giorno di mercato saranno al centro delle attenzioni del ds Tare. Nell’ultimo incontro del 2014, la Lazio ha dato spettacolo nel primo tempo contro l’Inter portandosi avanti per 2-0 a San Siro con la doppietta di Anderson, per poi venire raggiunta sul 2-2 nella ripresa.

I ricordi di Sinisa e la delusione di De Silvestri

Impossibile, come detto, dimenticare i colori biancocelesti per Sinisa Mihajlovic, che da giocatore ha militato per 6 anni nella Lazio, realizzando 20 gol, 3 dei quali – ovviamente su punizione – nella stessa gara del 1998 proprio contro la sua Sampdoria, in un match che finì 5-2. Uno Scudetto, due Coppe Italia, due Supercoppe Italiane, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa Europea il bottino in maglia laziale di Sinisa, che insieme al tecnico Eriksson, a Veron, a Mancini e a tanti altri campioni ha davvero scritto pagine idelebili della storia della Lazio. Poteva essere anche un match da emozioni forte per il lazialissimo Lollo De Silvestri, ma un problema al flessore lo ha costretto al forfait.

Le statistiche di Lazio-Sampdoria (da Football Data, via Sampdoria.it)

L’ultimo successo della Samp all’Olimpico di Roma contro la Lazio risale alla stagione 2004/2005, a regalare la vittoria ai blucerchiati furono le reti nei primi 5′ di Kutuzov e Flachi. Di lì in poi, se escludiamo la finale di Coppa Italia del 2009, dominio Lazio in casa con 7 vittorie interne e il pareggio del campionato 2009/10 (firmato Pazzini). Un campo ostico quello biancoceleste, viste le 29 vittorie della Lazio in 52 incontri totali. Un terreno quello dell’Olimpico sul quale, ultimamente riesce difficile ai blucerchiati anche segnare: la Sampdoria non segna a Roma, sponda laziale, da 320 minuti. Altre statistiche però contribuiscono peggiorare il quadro blucerchiato di questo Lazio-Samp d’inizio 2015. Il Doria di recente non digerisce il panettone: ha vinto una sola volta nella prima gara dell’anno solare dopo la pausa natalizia, considerati gli ultimi 6 campionati: fu una vittoria storica, 2-1 a Torino sulla Juventus nel 2013. Nelle altre gare 2 pareggi e 3 sconfitte. Passando alla Lazio, la formazione capitolina non subisce gol in casa da 206 minuti in partite ufficiali. In soccorso dei blucerchiati vengono però il dati sulle gare con gol e sui confronti diretti tra i due tecnici: la Samp ha chiuso il 2014 restando imbattuta nelle ultime 8 gare ufficiali (3 vittorie e 5 pareggi), partite in cui ha sempre segnato, con un totale di 15 marcature. Inoltre, negli unici due precedenti ufficiali tra Pioli e Mihajlovic, il mister ora laziale ha perso entrambe le volte (doppio 0-1 in Chievo-Fiorentina della Serie A 2010/11).

La probabile formazione della Lazio

Lazio senza squalificati ma con l’infermeria piena, anche se di comprimari. Gli indisponibili sono Gentiletti, Ciani, Braafheid, Ederson e Gonzalez. Recuperati, ma ancora in forte dubbio sia Biglia che Candreva, sulle cui sorti Pioli deciderà solo all’ultimo. Per il momento, oltre al solito ballottaggio tra Djordjevic e Klose, entrambi sono dati in panchina, con Ledesma e il lanciatissimo Felipe Anderson titolari. Vediamo ora la disposizione in campo ruolo per ruolo.
Schema: 4-3-3
Difesa: scontato l’impiego di Federico Marchetti tra i pali, così come la linea a 4 composta da sinistra a destra da Radu, Cana, De Vrji e Dusan Basta. L’epidemia di centrali costringe alla solitudine in panchina Novaretti, che avrà al suo fianco solo gli esterni Konko, Pereirinha e Cavanda.
Centrocampo: in forte dubbio l’impiego dal primo minuto di Lucas Biglia, che dovrebbe essere sostituito da Ledesma al centro della cerniera a tre composta anche da Parolo e Senad Lulic. A disposizione restano, viste le assenze di Ederson e Alvaro Gonzalez, Onazi e proprio l’ex Anderlecht della nazionale argentina.
Attacco: come da copione, Djordjevic ancora preferito al capocannoniere della storia dei Mondiali Miroslav Klose. Intoccabili al momento sia Mauri che Felipe Anderson, entrambi in stato di grazia. Se però Antonio Candreva dovesse essere al meglio, uno dei due dovrebbe lasciargli spazio nel tridente d’attacco. Ancora panchina per il talentuoso Keita Baldè.
Il probabile 11 in campo:

 
Alessandro Pucci

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.