L’avversario – dopo la Samp, a Cesena arriva il Genoa

Condividi

Scherzi del calendario. La prima coppia di gare casalinghe consecutive del Cesena vede arrivare al Manuzzi una genovese dopo l’altra. L’1-1 fortunato contro la Sampdoria ha sì mosso la classifica dei romagnoli, ma non ha dato a Bisoli troppi motivi di essere soddisfatto e fiducioso.
I bianconeri hanno giocato una partita attenta, iniziando meglio degli avversari: ma se sono usciti dal campo con un punto devono più che altro ringraziare gli uomini di Mihajlovic, i quali hanno regalato il primo tempo, subito un gol evitabilissimo e fallito un gran numero di occasioni nitide, segnando solo con l’autorete di Nica ma apparendo nettamente superiori. Contro il Genoa, anch’esso reduce da un 1-1 interno, con il Palermo, il Cesena ha una nuova occasione di tornare alla vittoria, che manca ormai dalla prima giornata (Cesena-Parma 1-0). E magari uscire dalla zona calda, sfruttando i difficili impegni delle dirette concorrenti per la salvezza. Ma se la Samp è squadra che fatica lontano dalle mura amiche, il Grifone è la seconda forza del campionato per quanto concerne le partite in trasferta, soltanto dietro alla capolista Juventus. Portargli via punti non sarà facile.
La situazione ambientale a Cesena, come se non bastasse, non è delle migliori. Pierpaolo Bisoli sembra avere già terminato il credito ottenuto grazie alla promozione conquistata a giugno via playoff. In caso di sconfitta domenica, il presidente Lugaresi potrebbe definitivamente esaurire la pazienza e decidere di cambiare allenatore. Il tecnico si affiderà al nuovo arrivato Hugo Almeida, fragile ed esperto bomber portoghese classe ’84 pescato dalla lista svincolati circa un mese fa.
Schieramento: 4-3-1-2
Difesa: senz’altro il settore che dà più grattacapi. Squalificato Capelli, infortunati Renzetti e Perico, che si è procurato una lesione di primo grado al legamento collaterale mediale del ginocchio destro. Bisoli medita di chiedere un sacrificio a Luigi Giorgi, uno dei migliori in questo inizio di campionato. L’ex Atalanta e Palermo potrebbe operare da terzino destro, con Volta e Lucchini centrali e l’insostituibile Mazzotta a sinistra. Più difficile l’utilizzo di Nica, ancora scosso dall’autorete che ha impedito ai suoi di battere la Samp e fermatosi in settimana per una contusione al piede.
Centrocampo: intoccabili Carbonero e Cascione. L’arretramento di Giorgi apre uno spazio per una maglia da titolare. Il favorito è De Feudis, in ballotaggio con Magnusson. Non dovrebbero infatti recuperare nè Cazzola nè Pulzetti, che si sono allenati pochissimo a causa rispettivamente di un’infiammazione al ginocchio e una forte influenza.
Attacco: ancora fuori Marilungo, non ci sono dubbi: salvo intoppi dell’ultimo minuto, scenderà in campo dal primo minuto la coppia Defrel-Hugo Almeida, supportata dalla fantasia di Franco Brienza sulla trequarti.

Mattia Cutrone

Condividi

Articoli correlati

Sconfitta non preoccupante per il Genoa contro la Lazio, ma sono emersi vecchi problemi

La sconfitta di fronte alla Lazio non scalfisce minimamente...

Luis Alberto piega il Genoa in una partita bloccata

La quinta rete in trasferta (su cinque) di Luis...

A Firenze tante luci e qualche ombra per il Genoa

Mancano tre punti alla fatidica quota 42, che non...

Il Genoa eguaglia la Fiorentina: 1-1

Firenze è un sogno ormai realizzato di Arte classica,...

Genoa a Firenze per sfatare un tabù che perdura dal 1977

È davvero impossibile escludere che la recente, pesantissima intemerata...