SerieATim, Sassuolo-Sampdoria 0-0. Streaming radio, cronaca, live, tabellino, pagelle, commenti, video

La Sampdoria, ospite del Sassuolo, prova a dare un seguito all’ottimo avvio di campionato. Formazione tipo per Mihajlovic, che ritrova Regini e Gabbiadini e sceglie ancora Obiang e Okaka invece che Krsticic e Bergessio. Nei neroverdi pesa l’assenza per squalifica di Berardi, sostituito da Floro Flores. Di Francesco ritrova Vrsaljko, sceglie Antei con Acerbi in difesa e lancia titolare Taider in mediana. 
Parte subito forte la Samp con un’occasione al 3′: dopo un batti e ribatti in area, Gabbiadini tira a botta sicura ma viene murato, sulla ribattuta ancora Gabbiadini colpisce di testa, ma il pallone si spegne sopra la traversa. Proteste Samp per alcune trattenute al limite del regolamento. Partita intensa che promette di esplodere da un momento all’altro grazie alla buona verve dei due tridenti. Al 18′, tiro da fuori di Magnanelli che impegna Viviano in tuffo. Buona la trama blucerchiata al 20′ con lo scambio rapido tra Okaka e Eder e la conclusione di quest’ultimo violenta ma imprecisa. 2′ dopo, doppio pericolo portato da Floro Flores alla porta doriana: sul suo diagonale da fuori è attenta la risposta di Viviano, nel prosieguo dell’azione sempre l’ex Genoa spara alto da buona posizione. Continui ribaltamenti di fronte nella seconda metà del primo tempo, ma poche le occasioni effettive create dalle due squadre. Gran conclusione di Taider in chiusura di frazione dai 20 metri: Viviano osserva il pallone uscire sopra la traversa. 0-0 a fine primo tempo.
Positivi primi 45′ della Sampdoria che ha avuto anche una grossissima chance per andare in vantaggio in apertura con Gabbiadini ma che poi ha ha dovuto far fronte alla grande voglia di riscatto del Sassuolo. I neroverdi si sono infatti resi pericolosi in più occasioni, ma sempre con conclusioni dalla distanza, che, quando hanno centrato lo specchio della porta hanno trovato un Viviano impeccabile.
La ripresa inizia con una Samp tonica e alla ricerca del vantaggio. Al 5′ Okaka prova a farsi largo sull’out destro ma il suo traversone viene ribattuto in angolo da Antei. Pericolo al 15′ portato dal Sassuolo sull’asse Nicola Sansone-Brighi con l’ex Toro che non trova la porta dopo uno scambio dentro l’area doriana. Doppio cambio per Mihajlovic a metà secondo tempo: fuori Soriano e Gabbiadini, dentro Rizzo e l’ex Gianluca Sansone. Partita un po’ bloccata dopo 20′, con Okaka che cerca ancora gloria dalla distanza, ma la sfera si infrange ancora sul muro difensivo neroverde. Al 30′ primo cambio per Di Francesco che toglie uno Zaza incolore per inserire Sergio Floccari. 2′ dopo, sempre nel Sassuolo, fuori Brighi per Biondini. L’ingresso di Floccari scuote i padroni di casa che proprio con l’ex Lazio trovano al 36′ l’occasione più ghiotta del match: dribbling secco su Silvestre e conclusione mancina appena dentro l’area, ma Viviano si tuffa e compie d’istinto un vero miracolo. L’ultimo brivido è invece di marca ospite, con la conclusione debole di Bergessio che spalle alla porta non riesce a impensierire Consigli. Finisce così a Reggio Emilia: dopo 5′ di recupero, Sassuolo-Sampdoria è 0-0.
Ai punti meglio il Sassuolo in questa seconda trasferta della Sampdoria. Gli emiliani hanno decisamente concluso maggiormente verso la porta avversaria, impegnando in più occasioni il portiere Viviano, reattivo ogni volta che è stato chiamato in causa. Fra i neroverdi Taider e Floccari, quando è entrato, i più vivaci, mentre Zaza ha replicato la prestazione opaca con l’Inter, ben contenuto da Gastaldello. Di positivo in casa Samp c’è l’imbattibilità che prosegue dopo tre partite e una porta, quella difesa da Viviano, inviolata da due giornate. Bene, come detto, la retroguardia quasi mai in sofferenza, ma si registra d’altro canto una lieve involuzione del centrocampo e della fase offensiva in toto. Okaka non è stato oggi bestiale come col Torino e anche Gabbiadini è apparso con il freno a mano tirato, persino nervoso in alcuni frangenti. Sufficienza per Palombo, Obiang e Eder, sottotono, invece, Soriano. Da rivedere Luca Rizzo, all’esordio in maglia blucerchiata, ininfluente così come Bergessio. L’altro subentrato Sansone, infine, non replica il gol dell’ultima sfida al Mapei Stadium, non riuscendo a fare la differenza, dopo aver rilevato nella ripresa lo spento Gabbiadini.
Sampdoria-Torino in diretta su Radio 19.
Sampdoria-Torino in cronaca testuale su SampdoriaNews.net.
 
Tabellino:
SASSUOLO-SAMPDORIA 0-0
SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Antei, Acerbi, Peluso; Brighi (s.t. 32′ Biondini), Magnanelli, Taider; Floro Flores (s.t. 43′ Cibsah), Zaza (s.t. 31′ Floccari), N. Sansone . A disposizione: Pomini, Polito, Terranova, Bianco, Ariaudo, Longhi, Gazzola, Missiroli, Pavoletti. All.: Di Francesco
SAMPDORIA (4-3-3): Viviano; De Silvestri, Gastaldello, Silvestre, Regini; Soriano (s.t. 22′ Rizzo), Palombo, Obiang; Gabbiadini (s.t. 24′ G. Sansone), Okaka, Eder (s.t. 36′ Bergessio). A disposizione: Romero, Romagnoli, Cacciatore, Fornasier, Mesbah, Marchionni, Duncan, Krsticic, Fedato. All.: Mihajlovic
ARBITRO: Di Bello di Brindisi. Assistenti Cariolato e Tegoni. Quarto uomo Musolino. Arbitri addizionali Irrati e Maresca
NOTE: angoli 7-3 per la Sampdoria. Ammoniti Magnanelli, Gastaldello, Peluso, Gabbiadini e Antei.
 
Pagelle:
SASSUOLO: Consigli 6; Vrsaljko 6, Antei 6, Acerbi 6, Peluso 6; Brighi 5,5 (s.t. 32′ Biondini s.v.), Magnanelli 6, Taider 6,5; Floro Flores 5,5 (s.t. 43′ Cibsah s.v.), Zaza 5 (s.t. 31′ Floccari 6,5), N. Sansone 6. All. Di Francesco 6.
SAMPDORIA: Viviano 7; De Silvestri 6, Gastaldello 6, Silvestre 6,5, Regini 6; Soriano 5 (s.t. 22′ Rizzo 5,5), Palombo 6, Obiang 5,5; Gabbiadini 5 (s.t. 24′ G. Sansone 5), Okaka 5,5, Eder 6 (s.t. 36′ Bergessio s.v.). All.: Mihajlovic 5,5.
 
Commenti:
Sinisa Mihajlovic, tecnico della Sampdoria considera il pareggio arrivato contro il Sassuolo il risultato più giusto: “Il pari è giusto. Sapevamo che questa sarebbe stata una partita complicata: il Sassuolo non ci ha concesso nulla, e noi non siamo stati bravi a trovare gli spazi. Avremmo potuto sbloccarla con le palle inattive, ma non ci è andata bene. Poi nel secondo tempo abbiamo concesso qualcosina, ma penso proprio che il pareggio sia il risultato più corretto. Nella ripresa abbiamo patito il grande caldo – ha proseguito l’allenatore serbo-, per questo atleticamente abbiamo ceduto un po’: i ritmi difatti si sono abbassati. Comunque posso dire che abbiamo fatto bene anche oggi, sappiamo che possiamo fare molto di più, però. Ma ciò si ottiene lavorando. Quando non puoi vincere, in fondo, l’importante è non perdere”. Sui cambi:Abbiamo cercato di vincere, inserendo Rizzo, Sansone e Bergessio e abbiamo pure mutato il modulo, passando a una coppia di attaccanti con rifinitore alle spalle. Ma oggi non è servito. Abbiamo lanciato un messaggio offensivo -ha dichiarato Mihajlovic- perché questo è il nostro credo di gioco, sempre e comunque. Sansone? Non sono soddisfatto di come è entrato in campo, ma può capitare di sbagliare una gara. Quest’anno siamo in tanti, la rosa è ampia, per cui bisogna cercare di non perdere le opportunità che vengono concesse. Di solito Gianluca fa il suo, ma non oggi: gli chiederò che cosa non è andato, perché non ne capisco il motivo. Il derby? Prima ero concentrato sul Sassuolo, e ora lo sono sul Chievo: faremo delle rotazioni, perché alcuni ragazzi si stanno allenando davvero bene, e spero che loro mi mettano in difficoltà nelle scelte di domenica. Intanto, però, mercoledì voglio vincere“. (SampdoriaNews.net)
Lorenzo De Silvestri, sulla via del ritorno verso casa, è contento del buon punto e pensa già alla sfida interna con il Chievo. Lo rivela così dal suo profilo Twitter:


Non del tutto soddisfatto del risultato il tecnico del Sassuolo Eusebio Di Francesco: “Nel secondo tempo abbiamo avuto occasioni importanti per vincere la partita, ma al di là del risultato, mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra. La formazione della partita precedente (con l’Inter, ndr), non era il Sassuolo che conoscevo. Oggi siamo stati bravi a interpretare la gara -ha dichiarato alla stampa Di Francesco- contro una squadra che ha grandissima qualità. Mi è piaciuto lo spirito dei miei giocatori, specie degli attaccanti che si sono messi a disposizione della squadra, questo ha fatto la differenza. Abbiamo concesso pochissimo, a una squadra come la Samp che ha già dimostrato in passato di andare a far bene in grandi stadi. Siamo stati un po’ in affano sui calci piazzati, specie nel primo tempo, ma nel secondo tempo abbiamo sistemato quest’aspetto. Sono soddisfattissimo della prova, anche se certamente sarei stato più felice con i tre punti in tasca”. L’allenatore neroverde esprime poi la sua emozione per il ritorno in campo di Francesco Acerbi, dopo la battaglia contro il cancro: “Contentissimo per Francesco, mi vengono i brividi. Abbiamo vissuto insieme questa sua esperienza, si è messo a disposizione. E’ maturato tantissimo dopo questa esperienza, è cresciuto, e l’ha dimostrato anche in campo, coprendo benissimo su Okaka. Il migliore in campo, gli faccio pubblicamente i complimenti. Un grande esempio per tutti“. (SampdoriaNews.net)
Le parole del blucerchiato Luca Rizzo, felice per l’esordio in A: “Sono cresciuto con addosso questa maglia e non posso non essere contento di essere entrato in campo. Eravamo al corrente che oggi sarebbe stata difficile – rivela Rizzo -, e quando Mihajlovic mi ha chiamato dalla panchina sapevo che ci sarebbe stato da soffrire, ma non mi sono tirato indietro. A poco a poco sto cercando di ripagare la fiducia del mister. Okaka in settimana mi ha detto che sarebbe stato il mio turno e ci ha visto lungo. Pagare una cena per festeggiare questo esordio? Volentieri, perché no. Noi sappiamo che possiamo fare risultato su ogni campo. Cerchiamo di vincere ogni partita, ma non sempre è possibile. Riguardo ad oggi penso che un pareggio sia il risultato più giusto“. (SampdoriaNews.net)

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.