SerieATim, Genoa – Lazio 1-0 (41’s.t. Pinilla). Streaming radio, cronaca, live, tabellino, pagelle, commenti, video

Il Genoa scende in campo con Matri dal primo minuto e fa il suo esordio stagionale anche Antonini, che recupera dopo il lungo infortunio. Mentre la Lazio di Pioli, dà fiducia al neo acquisto Djordjevic supportato da Candreva e Felipe Anderson.
I primi 45′ minuti vede i biancocelesti sempre in attacco con un super Perin protagonista. Al 15ì il numero 1 rosoblù compie un vero e proprio miracolo su un tiro diLulic che sembrava destinato in rete. Il Genoa si sveglia al 24′ con Kucka che salta Basta in velocità si presenta tutto solo davanti a Berisha ma perde il passo nel momento decisivo e sbaglia il tiro. Si chiude la prima frazione di gara con il Genoa in visibile difficoltà sia tattica che fisica, con un Perotti avulso del gioco e Sturaro incappato in una giornata da dimenticare. La seconda frazione di gara si apre con Lazio sempre in attacco ma con un Genoa più attento in fase difensiva. Gasperini decide di cambiare qualcosa e sostituisce Kucka con Lestienne e Bertolacci con Antonini, portando Edenilson sulla fascia destra portando la squadra a disporsi con un 4-2-3-1. Ma al 23′ della ripresa la partita del Genoa ha una svolta grazie all’ingresso in campo di Pinilla che porta scompiglio nella difesa laziale e farne le spese e De Vrij che rimedia il secondo giallo e va sotto la doccia anzi tempo. E il Genoa trova il gol, grazie alla spinta della Gradinata Nord, ma anche alla splendida palla di Bertolacci che trova Perotti in area abile a servire Pinilla una splendida palla, che l’attaccante cileno deposita in rete, facendo esplodere tutto lo stadio. La gara termina dopo tre minuti di recupero. Una vittoria che da molare per affrontare una settimana davvero difficile, che vedrà gli uomini di Gasperini impegnati a Verona e poi domenica contro la Sampdoria per una partita che vale una stagione.
COMMENTI POST GARA:
Gasperini:
«Siamo una squadra molto nuova. Eravamo semplicemente in ritardo: non abbiamo cambiato nulla di particolare.Abbiamo giocato – prosegue – quasi tutta la partita, tranne un momento nel primo tempo, con la stessa disposizione e lo stesso modulo. La fase difensiva nel primo tempo non mi è piaciuta: sbagliavamo a scalare, soprattutto dalla parte di Anderson e abbiamo sofferto molto. Eravamo molto schiacciati a centrocampo dagli avversari. Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio. Forse sarà calata anche la Lazio, però abbiamo cominciato a non correre più rischi. Abbiamo avuto il merito di tenere, anche nel finale di partita, i ritmi molto alti. Sono tre punti importantissimi che danno gran morale: ci danno autostima, dopo che abbiamo affrontato tre squadre vicine come valori tra loro. Però non nascondiamo le difficoltà che abbiamo, questo lo sappiamo bene. Abbiamo molto corso a vuoto nel primo tempo: tuttavia nella ripresa ho notato che la squadra ha avuto una tenuta fisica importante. Credo che in prospettiva potremmo crescere».

Pinilla:

«Mi sono trovato al posto giusto e al momento giusto. Siamo 24 giocatori e dobbiamo essere sempre pronti a entrare in campo – ha proseguito –: sono contento di aver dato il mio contributo subentrando a partita in corso. Sapevamo che l’inizio di campionato sarebbe stato duro, ma siamo riusciti a conquistare 4 punti che con il pareggio contro il Napoli sarebbero stati 5. Era il mio sogno: non c’è cosa più bella di segnare sotto la Gradinata. Spero che ne arrivino tanti altri ora. La prima occasione? Pensavo che Lestienne prendesse palla e non sono riuscito a piazzarmi bene. Menomale che arrivata la seconda opportunità. L’abbraccio con Antonini? Mi aveva detto che avrei segnato prima della partita e così sono andato a festeggiare da lui. Questi sono tre punti fondamenti che si merita tutta la squadra.»

TABELLINO:

GENOA (3-4-3): 1 Perin; 3 Antonini, 4 De Maio, 8 Burdisso, 13 Antonelli; 21 Edenilson, 88 Rincon, 69 Sturaro; 10 Perotti, 32 Matri, 33 Kucka. Allenatore: Gian Piero Gasperini. In panchina: 39 Sommariva, 23 Lamanna, 5 Izzo, 87 Rosi, 15 Marchese, 19 Greco, 91 Bertolacci, 92 Mussis, 9 Pinilla, 16 Lestienne, 24 Falque

LAZIO (4-3-3): 1 Berisha; 8 Basta, 3 De Vrij, 18 Gentiletti, 5 Braafheid; 16 Parolo, 20 Biglia, 19 Lulic; 87 Candreva, 9 Djordjevic, 7 Felipe Anderson. Allenatore: Stefano Pioli. In panchina: 22 Marchetti, 77 Strakosha, 2 Ciani, 85 Novaretti, 13 Konko, 23 Onazi, 24 Ledesma, 27 Cana, 6 Mauri, 11 Klose, 78 Tounkara, 17 Pereirinha, 14 Keita

ARBITRO.: Guida di Torre Annunziata. Assistenti: Meli e Paganessi. Quarto uomo: Manganiello. Arbitri di porta: Iori e Giacomelli

PAGELLE:

GENOA (3-4-3): 1 Perin (7,5); 3 Antonini (6,5), 4 De Maio (5,5), 8 Burdisso (6), 13 Antonelli (6); 21 Edenilson (6), 88 Rincon (7), 69 Sturaro (5); 10 Perotti (6), 32 Matri (6) , 33 Kucka. Allenatore: Gian Piero Gasperini. In panchina: 39 Sommariva, 23 Lamanna, 5 Izzo, 87 Rosi, 15 Marchese, 19 Greco, 91 Bertolacci (6,5), 92 Mussis, 9 Pinilla (7), 16 Lestienne (6,5), 24 Falque
LAZIO (4-3-3): 1 Berisha (6); 8 Basta (5,5), 3 De Vrij (5), 18 Gentiletti (6), 5 Braafheid (6.5); 16 Parolo (6), 20 Biglia (6), 19 Lulic (6,5); 87 Candreva (6,5), 9 Djordjevic (6,5), 7 Felipe Anderson (7). Allenatore: Stefano Pioli. In panchina: 22 Marchetti, 77 Strakosha, 2 Ciani, 85 Novaretti, 13 Konko (5), 23 Onazi, 24 Ledesma, 27 Cana (5), 6 Mauri, 11 Klose, 78 Tounkara, 17 Pereirinha, 14 Keita
ARBITRO.: Guida di Torre Annunziata. Assistenti: Meli e Paganessi. Quarto uomo: Manganiello. Arbitri di porta: Iori e Giacomelli

 

Condividi