Il DG Bistocchi si complimenta con Marino e Musumeci

Dopo gli Europei di Lund (Svezia), culminati nelle medaglie conquistate dai due gioielli di Spazio Danza, il Direttore Generale Massimo Bistocchi traccia un bilancio dell’esperienza vissuta da Vittorio Marino e Mattia Musumeci. 

Vittorio Marino. “Argento ai Mondiali di Bucarest, inizia con il piede giusto superando, grazie a rapidi colpi di gamba e di braccio, il francese Marsal (14-6); al secondo turno affronta il greco Rigoulopos, ottima la scelta di tempo dell’Azzurro in prima fase, efficaci le tecniche di yoko geri e yaku tsuki (13-8); la semifinale è impegnativa, il russo Grishin è un forte antagonista, il genovese utilizza la tattica
giusta, colpisce sempre alla massima velocità e controlla le azioni del rivale, la finale è sua (18-12)! L’ostacolo da superare è il tedesco Garn, ma oggi l’Azzurro è troppo forte per chiunque, parte con yaku tsuki, singolo o in combinazione partendo con kizami, esegue un pregevole seoi nage in ginocchio, pesca in contro tecnica il teutonico schienandolo, a terra controlla bene la situazione; il match è a senso unico e termina in un tripudio tricolore per 16-5. L’Italia incamera un altro nobile metallo. Dopo Bucarest avevamo scritto che l’appuntamento con l’oro era solo rimandato, Vittorio ci ha preso in parola. Atleta e giovane uomo d’onore, un esempio umano e sportivo di grande affidabilità sotto ogni punto di vista, eccellente!”. 

Mattia Musumeci: “Guarito dall’infortunio alla schiena che lo aveva tenuto svariati mesi lontano dal tatami, inizia il suo cammino contro l’austriaco Kellner, lotta alla pari, Mattia dimostra maggiore lucidità e si aggiudica di misura il confronto (12-11). Al secondo turno incrocia i guanti con il polacco Sobczak, avversario scorbutico che l’Azzurro supera grazie a precisi Yaku Tsuki e Mawashi Geri (7-5). In semifinale il greco Saggiotis è atleta solido, la sua maggiore prestanza fisica ha la meglio (12-4) e spedisce il nostro alla finalina contro il romeno Ionita, già incontrato e battuto a Bucarest. Anche questa volta il risultato non cambia, il genovese spinge sull’acceleratore e colpisce ripetutamente l’avversario, alla fine la vittoria è sua (10-5), è bronzo! Un primo podio tricolore che premia Mattia per la sua serietà e il suo costante impegno di atleta, sostenuto da forte autostima e autodeterminazione. Bravo!”

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.