Aleksanadar Ivovic: “Non sarà facile contro Brescia ma daremo il massimo”

Mancano poche ore alla gara Pro Recco Brescia , che promette di essere l’ennesima sfida memorabile fra le due squadre , per la conquista dello scudetto. A parlarne è il giocatore attualmente considerato il più forte del mondo: Aleksanadar Ivovic ,da Herceg Novi. E’ rientrato alla Pro Recco dopo un anno sabbatico allo Jug, si è inserito gradualmente fino a prendere per mano la squadra. Dicono sia nato difensore, ma è oggi uno dei pochi giocatori definibili universali: perfetto in fase difensiva, nei trasferimenti, in fase conclusiva. Incomincia con una professione id modestia: “ Lo dite voi che sono il più grande giocatore del mondo…Non mi provoca niente di nuovo. Io cerco di giocare sempre al livello massimo ,anche grazie al sostegno dei compagni di squadra in vasca. Non è un fatto individuale ,ma un fatto collettivo. Con questa impostazione vogliamo vincere lo scudetto contro il Brescia nelle tr gare che abbiamo a disposizione, sperando di non doverne usufruire di tutte e tre; la prima è importantissima e ,se la vinciamo, andiamo a Brescia a concludere il lavoro. Il Brescia è per il secondo anno la stessa intelaiatura, è una squadra ben concepita sia in fase d’attacco che in quella difensiva. Non è una partita facile, ma noi dovremo adottare il nostro gioco, che vuol dire un gioco aggressivo, un pressing fin dall’inizio…così faremo vedere loro che il nostro obiettivo è vincere lo scudetto.” Temete la loro aggressività da subito, sapendo che dovranno giocare due partite su eventuali tre a Sori? “Si, ci abbiamo pensato ,anche perchè il Brescia rispetto a due anni prima gioca molto meglio. Ha molti giocatori giovani, stimolati dal fatto che vogliono dimostrare di aver bene sostituito alcuni stranieri che giocano in nazionale. Oltre a ciò sono caricati e motivati per il fatto che il Recco negli ultimi anni ha vinto quasi sempre, ma ci saremo anche noi ,perchè la nostra squadra è costituita da grandi campioni abituati a disputare gare a livello altissimo. Lo abbiamo dimostrato anche in Champions ,affrontando partite che dovevano essere difficili ,ma vincendole più facilmente del previsto, come lo Jug in casa o l’Olimpiakos ad Atene. Per tutto questo sono molto ottimista per sabato.” La partita in Coppa Italia ,dove tutto ando’ bene per voi e male per loro, fa testo? “Sicuramente non ci aspettiamo una partita cosi’ facile. Vincemmo 11-6 ,ma Stefano nel momento decisivo della gara parò un tiro di rigore a Rizzo. Da quel momento loro si sono scaricarti e noi siamo montati: spesso a decidere una partita sono i singoli episodi. Dunque spero che Tempesti sia in forma da coppa e che ci dia una carica particolare. E’ lui che ci condiziona, se para bene noi giochiamo meglio.”

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.